I 12 sali di Schüssler: cosa sono e a cosa servono

Il Dottor Schüssler (1821-1898) affermava che i tessuti si ammalano perché le cellule che li formano non contengono più le giuste quantità di sostanze minerali che entrano normalmente a far parte della loro costituzione.

Capita a tutti, specialmente in periodi particolarmente impegnativi (situazioni di stress fisico e mentale, gravidanze, allattamento, grandi cambiamenti), di non sentirsi troppo in forma, di avere un aspetto stanco, un colorito spento, una pelle arrossata e sciupata. O, peggio, di provare un senso di malessere e magari di manifestare una vera e propria patologia.

È possibile che all’origine di questi problemi vi sia una carenza di uno o più sali in qualche zona del nostro organismo, segnalata attraverso sintomi precisi e, talvolta ancor prima, tramite segni visibili sul viso e sul corpo che un’analisi visuale consente di riconoscere e classificare.

Esiste un modo semplice e naturale per integrare quello che serve e ritrovare salute e vitalità: i 12 sali del dottor Schüssler, in grado di colmare le carenze o di soddisfare le eventuali necessità, ristabilendo l’equilibrio e quindi il benessere.

I sali di Schüssler (o sali Tissutali) sono preparati a base di sali minerali diluiti, ideati nella seconda metà dell’ottocento dal medico tedesco Wilhelm Schüssler. Le sue sperimentazioni lo portarono a selezionare dodici sali minerali: grazie all’apporto in piccole dosi di queste sostanze, è possibile ricostituire la struttura sana delle cellule che possono così riacquistare la loro vitalità. La cellula guarisce e con essa tutto l’organismo.

Il dottor Schüssler riteneva che il segreto della salute dell’uomo fosse nei sali inorganici.

I sali di Schüssler non sono sostanze minerali come quelle presenti negli alimenti e negli integratori alimentari: sono ricavati da fonti inorganiche (ma possono anche essere derivati da piante) e vengono diluiti e dinamizzati omeopaticamente. Segue poi un processo di succussione, ma non sono da considerarsi preparati omeopatici, in quanto non seguono la regola del simillimum. La diluizione omeopatica permette però ai sali minerali di portare “l’informazione” del sale là dove è necessaria. Non si va dunque a compensare delle carenze quantitative mediante il sale di Schüssler, ma a compensare una carenza che si può definire “informativa”, nel senso che assumendo questi preparati si invia l’informazione affinché l’organismo utilizzi le sostanze minerali di quel sale specifico, che sono già presenti in esso, e assorba meglio i sali minerali degli alimenti. L’organismo e le cellule vengono così spronate ad “imparare” ad assorbire i sali minerali dall’alimentazione in quantità sufficiente e in modo bilanciato, così da ricostituire anche le riserve.
Questo, in sostanza, è il meccanismo che sta alla base della biochimica moderna.

Come funzionano e per quali disturbi impiegare i sali di Schüssler

I Sali di Schüssler intervengono per alleviare, prevenire, coadiuvare nella cura di vari disturbi.
Tra questi vi sono:

  • Disfunzioni del sistema scheletrico: come fragilità ossea, contratture, patologie della colonna vertebrale, nevralgie varie tra cui sciatalgia, o affezioni reumatiche delle articolazioni e fratture.
  • Disfunzioni del sistema nervoso, come spasmi e convulsioni, palpitazioni nervose.
  • Problemi dell’apparato respiratorio, come catarro, asma, pertosse, bronchite, sinusite o raffreddore.
  • Modificazioni dei tessuti, come infiammazioni di vario tipo (carie, varici, emorroidi, fistole, ferite, ematomi etc).
  • Indurimenti di organi, ipertrofia del fegato,  renella, gotta.
  • Per ripristinare l’equilibrio della pelle, in casi di edemi, dermatiti, vesciche, verruche.
  • Aiutano il sistema digestivo (anche nei bambini), intervenendo in caso di rigurgiti, eruttazioni, vomiti acidi, flatulenza, diarrea.
  • Utili anche nei casi di perdite vaginali, cistiti, disfunzioni della tiroide e in gravidanza.

Si assumono generalmente per via orale, prima o dopo i pasti, facendoli sciogliere molto lentamente sotto la lingua, senza bere. I trattamenti sono di solito lunghi (o piuttosto lunghi).

Possono venire prescritti anche per ripristinare uno stato generale di salute, senza alcuna prevalente malattia specifica.

La scelta del sale più appropriato non è comunque legata al sintomo o, almeno, non esclusivamente: avviene anche attraverso diversi metodi di ricerca, quali la diagnosi visuale per il riconoscimento delle carenze di sali minerali secondo il metodo del Dottor Hickethier (di cui parleremo in altro articolo), la kinesiologia o anche la radioestesia.

Ecco, in sintesi, le caratteristiche principali dei 12 sali di Schüssler.

1 Calcium Fluoratum (Spato di fluoro – fluoruro di calcio)

Questo sale è coinvolto nella formazione delle ossa, dello smalto dei denti e delle fibre elastiche di tutti tessuti.
È indicato in tutti i disturbi riconducibili ad una perdita di elasticità. Può trattarsi di varici venose, di emorroidi, di un prolasso uterino, della dilatazione del cuore, ma anche di indurimenti ghiandolari o di altri organi.
È indicato nella tendenza alle carie e per rinforzare i piccoli vasi.
Inoltre, è impiegato nel caso di espettorazione difficile con presenza di catarro giallognolo.
I sintomi peggiorano con l’umidità e sono migliorati con le applicazioni calde e frizionando. È un rimedio lento ad agire e va assunto per lunghi periodi.

2 Calcium Phosphoricum (fosfato acido di calcio)

È un sale abbondante in tutto l’organismo, di particolare importanza per l’apparato scheletrico e di estremo valore durante la crescita dei bambini. Calcium ph si rinviene anche nel succo gastrico e svolge un ruolo importante nel processo di digestione e di assimilazione. Ha un’azione tonica e ricostituente e favorisce la produzione dei globuli rossi. È indicato nell’anemia, nelle convulsioni, negli spasmi, durante la dentizione quando i denti tardano ad uscire, nelle carie precoci, nella convalescenza dopo malattie debilitanti, nei ritardi di crescita dei bambini, nelle infezioni delle ossa, nelle fratture, in alcune patologie della colonna vertebrale, nelle affezioni reumatiche delle articolazioni, nelle ipertrofie delle tonsille e della tiroide e nella diarrea dei bambini. Ottimo anche in caso di disturbi mestruali e nella gravidanza. I sintomi sono peggiorati dal freddo, dall’umido e dai cambiamenti di clima, mentre sono migliorati col riposo e stando sdraiati.

3 Ferrum Fosforicum (fosfato di ferro)

È il sale dello stadio iniziale di ogni processo infiammatorio e congestizio. Nel caso di affezioni localizzate, le parti affette sono arrossate, calde e asciutte. A livello generale, può esserci febbre, viso congesto e sete. È un eccellente rimedio delle sindromi febbrili e di molte affezioni infiammatorie (sinusiti, bronchiti, cistiti, etc.) acute, ottimo in caso di traumatismi e dopo gli interventi chirurgici. È un rimedio prezioso che non deve mai mancare nella piccola farmacia famigliare.
I sintomi che richiamano questo sale peggiorano col movimento, durante la notte, col caldo e migliorano col freddo.

4 Kalium Muriaticum o Chloratum (cloruro di potassio)

Questo sale rappresenta il secondo stadio del processo infiammatorio, quando subentra l’infiltrazione e l’essudazione. È un valido rimedio nello stadio catarrale che segue ad una infiammazione acuta. Il catarro ha un aspetto denso, fibrinoso ed è bianco o grigiastro. Anche la lingua è coperta da una densa patina bianco-grigiastra. Kali mur è risultato efficace negli stati catarrali cronici delle alte e basse vie respiratorie (in particolare nel catarro tubarico), nella diarrea cronica, nelle perdite vaginali e in alcune forme di dermatite. I disturbi migliorano col calore, peggiorano col movimento e con l’assunzione di cibi piccanti e grassi.

5 Kalium Phosphoricum (fosfato di potassio)

È il sale specifico del sistema nervoso. Trova applicazione in diverse patologie neurologiche, ma anche nella mancanza di vitalità, nell’“esaurimento nervoso” e nella depressione. Nel caso di febbre alta, si accompagna a Ferrum ph. Tra l’altro, è anche indicato nella predisposizione dei bambini ad avere il sangue dal naso, nell’asma, nell’incontinenza urinaria, nell’insonnia e nella gastropatia nervosa. I sintomi di questo rimedio peggiorano con il rumore, con l’esercizio fisico e mentale e alzandosi da una posizione seduta. I dolori sono peggiorati col freddo e migliorati con il movimento molto dolce.

6 Kalium Sulfuricum (solfato di potassio)

Questo sale rappresenta il terzo stadio del processo infiammatorio ed è indicato per tutte le infiammazioni croniche. In generale, facilita l’escrezione e la disintossicazione. Caratteristiche sono le secrezioni gialle, acquose e appiccicose. La lingua ha un deposito giallastro. È indicato nelle bronchiti croniche, nella pertosse, in alcune affezioni della pelle, nei disturbi digestivi, nel catarro intestinale, nelle perdite vaginali e nelle congiuntiviti. È anche indicato nelle irregolarità del ciclo. Tutti i disturbi peggiorano in una stanza calda e verso la sera, migliorano col fresco e all’aria aperta.

7 Magnesium Phosphoricum (fosfato acido di magnesio)

La carenza di questo sale fa contrarre le fibre muscolari e genera contratture, spasmi e convulsioni. Tra i Sali di Schüssler, è il rimedio antispastico per eccellenza. Interviene anche in molti disturbi dei nervi. È particolarmente indicato nei soggetti molto nervosi dall’aspetto magro, asciutto e, a volte, emaciato. Il tipo magnesia è sempre fiacco, stanco e facilmente affaticabile. Le indicazioni di Magnesia ph sono numerose: tutti i tipi spasmi, nevralgie varie tra cui sciatalgia, palpitazioni nervose, pertosse, asma ed epilessia. I dolori arrivano come lampi, intensi e in successione. Possono cambiare sede, sono peggiorati dal freddo, dalle applicazioni di acqua fredda e dal tocco. Il caldo, le frizioni e la flessione li migliorano. Gli episodi acuti spesso si presentano con grande prostrazione, a volte con abbondante sudorazione.

8 Natrium Muriaticum o Chloratum (cloruro di sodio – sale da cucina sotto forma molecolare)

Questo sale è presente in ogni parte liquida e solida del nostro organismo. È un sale assolutamente essenziale per la vita. Mentre il potassio si trova prevalentemente nelle cellule, circa la metà del sodio totale si trova nel liquido extracellulare. La sua funzione è quella di regolare il grado di idratazione delle cellule. Quando è carente abbiamo turbe nella distribuzione dell’acqua nel corpo, che può tradursi in una eccessiva secchezza di alcuni tessuti e una eccessiva acquosità in altri. La somministrazione di Natrum mur ristabilirà l’equilibrio. Agisce sul sistema linfatico, sul sangue, sul fegato, sulla milza e sulle mucose del tratto gastrointestinale. È indicato in presenza di eccessiva salivazione e lacrimazione, nel caso di vomito e diarrea. Le secrezioni sono acquose e trasparenti. A volte schiumose. Anche a livello della cute, le lesioni, spesso vescicolose, gemono un liquido trasparente e acquoso. I disturbi peggiorano al risveglio, durante la mattinata, con eccessivi sforzi intellettuali e col freddo-umido.

9 Natrium Phosphoricum (fosfato di sodio)

Grazie a questo sale l’acido lattico è scomposto in acido carbonico e acqua. L’acido carbonico è eliminato attraverso i polmoni. Natrium ph ha il potere di ridurre gli eccessi di zuccheri nel sangue. È anche indicato in tutti casi in cui c’è un eccesso di acido lattico. Agisce anche a livello intestinale, ghiandolare e polmonare. Ha diverse indicazioni: rigurgiti, eruttazioni e vomiti acidi che si accompagnano a flatulenza e a diarrea verdastra acida (diarree acide dei bambini), parassitosi intestinali, enuresi notturna, leucorrea e crosta lattea, solo per citarne alcune. Caratteristica è la lingua, ricoperta da una essudazione giallo-dorata. Anche a livello degli occhi, possiamo notare una secrezione giallo-cremosa. I disturbi peggiorano col movimento, con l’assunzione dei cibi grassi e col freddo umido.

10 Natrium sulfuricum (solfato di sodio, sale di Glauber)

Questo sale agisce principalmente a livello epato-biliare, ma anche a livello di altri emuntori come i reni. Regola l’acqua extracellulare, mantiene la bile della consistenza normale. È considerato un rimedio eccellente nell’influenza. È indicato anche nell’ipertrofia del fegato, nell’erisipela, nella renella, nella gotta, nell’asma, nella dispnea aggravata dall’umidità, nelle infiammazioni edematose della pelle, in alcune dermatiti (vescicole con liquido giallo acquoso) e nella tendenza a formare verruche. Sono pazienti che sentono sempre freddo, non riescono mai a scaldarsi e sono tendenzialmente depressi. I sintomi sono peggiorati al mattino, con l’umidità e sdraiandosi sul lato sinistro.

11 Silicea (acido di silicio, sabbia quarzifera)

Agisce su quasi tutti tessuti dell’organismo, perché è un elemento essenziale del connettivo. Per esempio, è importante nella formazione dei capelli, della pelle e delle unghie. Aumenta la resistenza di tutti tessuti. Silicea è particolarmente indicata nel caso di infiammazioni ben radicate, sia acute sia croniche. L’infiammazione è dura e suppurata. Possono essere interessati numerosi tessuti: articolari, ossei, cutanei, mucosi. Silicea ha un’azione profonda e duratura. Risolve questi processi portandoli a maturazione. E’ indicata nelle fistole e nelle ferite che non si risolvono e nel caso di ematomi. I sintomi peggiorano sempre durante la notte, con la luna piena, all’aria aperta, mentre migliorano in un ambiente riscaldato e con le applicazioni calde.

12 Calcium sulfuricum (solfato di calcio, gesso)

È un rimedio eccellente nelle suppurazioni che tendono a protrarsi e non si risolvono. Facilita la formazione e l’evacuazione di pus o, dato nel momento opportuno, fa abortire una infiammazione che minaccia di suppurare. Il sintomo chiave di questo sale è la presenza di un pus denso, giallo e a volte striato di sangue. I sintomi sono peggiorati con l’umidità e il contatto con l’acqua.

[Le descrizioni dei 12 sali di Schüssler sono del Dottor Francesco Perugini Billi]

151 commenti su “I 12 sali di Schüssler: cosa sono e a cosa servono”

    • Sì Cristina, il Natrium Phosphoricum può essere utilizzato come terapia “di terreno” per ridurre la predisposizione all’infestazione, durante tutto il periodo di esposizione (ad esempio l’anno scolastico per i bambini).

      Rispondi
  1. Vorrei sapere se i sali di schussler esistono solo in compresse oppure anche in liquido, perché ho intolleranza sia al lattosio che al glutine e le compresse non posso prenderle.Grazie

    Rispondi
  2. Noi come Farmacia siamo molto esperti dei sali di Schussler e dobbiamo dire che abbiamo un buonissimo riscontro da parte della nostra clientela.
    Ottimo articolo, bravi.
    Farmacia Cavalieri.

    Rispondi
  3. Perché cambiando marca esempio New era i sali cambiano rispetto al numero per esempio L 11 è silicea invece della era risulta solfato di sodio

    Rispondi
    • Gentile Giovanni, potrebbe provare con Calcium Fluoratum, che agisce come elasticizzante delle cartilagini e delle piccole ossa e aumenta la microcircolazione. Essendo l’orecchio un piccolo sistema a se stante, secondo il Dottor Mandò Tacconi è assolutamente indicato.

      Rispondi
  4. Buongiorno. Si possono usare i sali di Schlusser durante la chemioterapia o potrebbero interferire con la cura? Grazie

    Rispondi
    • Gentile Graziella,
      le consigliamo di confrontarsi con il suo oncologo, che saprà consigliarla al meglio conoscendo l’anamnesi e il trattamento che sta seguendo.

      Rispondi
  5. Buongiorno

    Per l’automazione eccessiva vorrei provare clorurio di sodio quante compresse bisogna assumere al giorno grazie mille Renate

    Rispondi
    • Salve Renate, il dosaggio consigliato solitamente è: negli stati acuti 1-2 compresse anche ogni mezz’ora; per i casi cronici 1-2 compresse dalle 3 alle 6 volte al giorno da assumere mezz’ora prima dei pasti o un’ora dopo. In ogni caso, le consigliamo di rivolgersi sempre ad un medico.

      Rispondi
  6. Salve, soffro di frequenti emicranie, cefalee e nevralgie. Mi hanno consigliato il sale n. 7. Quante compresse si possono assumere al giorno e in quale quantità? Grazie. Paola.

    Rispondi
    • Carissima Paola,
      Dovremmo fare una distinzione: durante l’attacco di emicranea o cefalee, 1-2 compresse ogni 15 minuti fino ad un massimo di 10 compresse, diradando al miglioramento dei sintomi.
      Per la prevenzione o in caso di cronicità o ricorrenza, 2 compresse 3 volte al giorno.
      Saluti, Dottor Francesco Mandò Tacconi

      Rispondi
    • Sì Francesca, può essere usato come terapia di fondo per tutto l’anno (scolastico se parliamo di un bambino): riduce la predisposizione all’aggressione.

      Rispondi
    • Buongiorno Veronica, no, non specifica: le consigliamo di rivolgersi o a un veterinario o a un farmacista specializzato in veterinaria.

      Rispondi
  7. Buongiorno, a causa dell’inizio della pre-menopausa ho iniziato a perdere i capelli. Mi hanno consigliato in farmacia il sale n.11, con posologia di 10 compresse al giorno da sciolgliere in una bottiglia d’acqua da 1 litro. Mi hanno consigliato bene.? La posologia è giusta? e poi ho letto che devono essere sciolte in bocca, sbaglio se le sciolgo nell’acqua? Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno Mara, abbiamo chiesto al nostro farmacista e naturopata, il Dottor Francesco Mandò Tacconi, ed ecco la sua risposta.

      Gentilissima Mara,
      L’indicazione è giusta anche se dovrebbe essere associato al sale n.1 (calcium fluoratim) con la stessa posologia, la somministrazione può essere sia sublinguale che dispersa in acqua, non cambia molto l’effetto.
      Detto questo, potrebbe integrare il tutto con Ovitol Oc 3 cp al giorno e fare un ciclo di tre mesi di Silicio organico 30 ml al giorno.
      A disposizione per qualunque chiarimento,
      Saluti,
      Dott. F. Mandò Tacconi

      Rispondi
  8. Buongiorno,
    sono affetta ormai da anni da artrite reumatoide. Ho provato a documentarmi sui sali di Schussler, ma sarei lieta e grata se mi deste qualche consiglio e delucidazione in riferimento alla scelta del numero che possa “venirmi in aiuto” per quanto concerne la mia patologia.
    Grazie

    Rispondi
    • per la sua patologia l’impiego dei sali di Schlusser è appropriato, in particolare il sale numero 6 associato al numero 7, entrambi concorrono ad ostacolare l’infiammazione ormai cronica e a diminuire l’aspetto flogistico aumentando anche l’elasticità di tessuti sia ossei che muscolari.

      La posologia è 2 cpr di n° 6 + 2 cpr di n° 7 da sciogliere in acqua al mattino e 2 cpr di n° 6 + 2 cpr di n° 7 da sciogliere in acqua la sera per un totale di 4 cpr al giorno del n° 6 e 4 cpr al giorno del n°7.

      In associazione a tale terapia sarebbe opprotuno integrare un ciclo di Kotor silicio organico 30 ml al giorno al mattino a stomaco vuoto, almeno un ciclo di tre mesi, per sfruttare la sinergia dell’acido ortosilicico e dei sali di Schlusser, inoltre aggiungerei l’alfa glutatione per potenziare il potere antiossidante.

      Certi di averle dato le informazioni necessarie, a disposizione per qualunque ulteriore chiarimenti,

      Saluti.

      Rispondi
  9. Buon giorno,
    Avrei una domanda : per quanto tempo devo prendere i sali ? E c’è una differenza Nell prendere le compresse che contengono i 12 sali insieme o ciascun tipo a parte?
    Grazie!

    Rispondi
    • Cara Llirijana, deve selezionare i sali a seconda delle sue necessità, non prenderli tutti insieme… E anche la durata dell’assunzione, dipende dalla necessità specifica.

      Rispondi
  10. Buongiorno, ho letto la risposta data al signor Giovanni che chiedeva delucidazioni riguardo gli acufeni. Poichè ne soffro anche io da ormai 6 anni (bilaterale) vorrei provare con il Calcium Floratum (il sale n. 1). Posso sapere in che quantità prenderlo?
    Grazie mille!

    Rispondi
  11. Buongiorno, per problemi di ATM e tensioni muscolari diffuse, a volte, quando molto stanca, associate a tremori delle mani, e per ansia e insonnia (subentrate dopo la menopausa) consigliate il n. 7 o il n. 5? Oppure posso prenderli associati e nel caso come? Vi ringrazio anticipatamente del consiglio. Mariagrazia

    Rispondi
    • Buongiorno Mariagrazia,
      direi che l’associazione potrebbe essere una buona strategia: 3 cps del n°7 + 3 cps del n°5.
      Per ottimizzare i risultati, visto il quadro generale presentato, consiglierei l’assunzione anche di Magnesio B6 griffonia + rodiola, 2 cp al giorno una al mattino e una la sera.
      A disposizione per qualunque chiarimento.
      Saluti

      Rispondi
  12. Buongiorno,

    ho 36 anni e da oltre 20 anni soffro di Sindrome delle gambe senza riposo (RLS). Circa 6-7 anni fa ero andato presso un centro del sonno specializzato di un grosso ospedale pubblico che dopo aver confermato la sindrome attraverso diversi esami e monitoraggi del sonno, come unica cura mi ha proposto farmaci dopaminergici o legati al Parkinson. Ho utilizzato i farmaci proposti solo per qualche mese in quanto l’assuefazione era molto rapida (con unica soluzione di aumentare i dosaggi) e le controindicazioni importanti.

    Circa sei mesi fa un amico mi ha consigliato i sali n. 7 (magnesium phosphoricum) che ho iniziato ad assumere con molto scetticismo, avendo già provato invano moltissimi rimedi naturali. Fin dai primi giorni ho avuto effetti positivi, riuscendo ad addormentarmi senza problemi. Avevo iniziato con 6 compresse a digiuno per 2 volte al giorno (su indicazioni dell’amico che mi ha consigliato il rimedio), poi ho gradualmente ridotto il dosaggio in quanto mi provocavano sonnolenza durante il giorno, adesso ne prendo 5-6 compresse una volta al giorno e bene o male riesco ad ottenere i risultati desiderati.

    Vorrei sapere, per favore, qual è la posologia corretta, se devo fare dei cicli e quindi sospenderne l’assunzione per un periodo ed infine, avendo letto le varie descrizioni degli altri sali, se per il mio problema fossero per caso più adatti i sali n. 5 o l’assunzione congiunta di entrambi (o di altri sali).

    Ringrazio anticipatamente e mi complimento per il sito e per la sua gestione.

    Rispondi
    • Carissimo Emanuele,
      direi che il suo amico le ha consigliato bene anche se dovrebbe integrare il sale n. 5.
      La posologia ottimale sarebbe 4 del sale 7 e 4 del sale 5 due volte al giorno, a stomaco vuoto.
      Suggerirei anche l’integrazione con Magnesio B6 griffonia rodiola, da assumere 1 cp al mattino e 1 alla sera per coadiuvare l’effetto rilassante e nello stesso tempo per darle attenzione durante la giornata, a cicli di tre mesi.
      Saluti,
      Dott. Francesco Mandó Tacconi

      Rispondi
    • Gentilissima Viviana
      il sale consigliato è il n° 4: Kalium chloratum, 2 cps al mattino + 2 cp alla sera a stomaco vuoto in acqua.
      Detto questo, dovrebbe basificare, molto semplicemente bevendo al mattino un abbondante bicchiere d’acqua con mezzo limone.
      Assocerei inoltre Magnesio B6 + Griffonia e Rodiola, 2 cp al giorno, da assumere continuativamente.
      Saluti,
      Dott. Francesco Mandó Tacconi

      Rispondi
  13. Buonasera, per sudorazione acida quale sale è più opportuno prendere? in che posologia e per quanto tempo? premetto che soffro di tiroidite di hashimoto che al momento non necessita di farmaco ( prendo già alcuni integratori come selenio e zinco per potenziare il sistema immunitario e tenere a bada l’infiammazione cronica alla tiroide). Grazie, saluti

    Rispondi
    • Buongiorno Anna,
      per il suo problema potrebbe assumere il sale n. 11 Silicea e il nr. 9 Natrium phosphoricum, con la seguente posologia 4 n.11 + 4 n. 9 in 500 ml acqua due volte al giorno. Inoltre, dovrebbe eliminare alcuni alimenti favorenti la sudorazione acida quali: caffè, la cioccolata, le arance, il pomodoro, il peperoncino, le spezie piccanti e limitare le proteine animali.
      Nei mesi caldi, sarebbe opportuno integrare Estratto fluido di semi, polpa e scorze di Pompelmo BIO 1 fl al giorno.
      Saluti,
      Dott. Francesco Mandó Tacconi

      Rispondi
  14. Buongiorno, premetto , ho la sclerosi multipla da 27 anni e nn cammino da 18.. sono in menopausa
    da più di un anno ed ho eseguito la Moc con esito di osteoporosi alla colonna T-2,5 ed alle anche T-4,5
    sono molto preoccupata perchè ho paura di una frattura improvvisa visto le mie malposizioni seduta e sullo
    stabilizzatore. grazie

    Rispondi
    • Cara Rita,
      sicuramente il suo medico le avrà consigliato un integratore di calcio e della vitamina D per ovviare alle conseguenze dell’osteoporosi.
      Noi, nel nostro piccolo, le potremmo proporre di integrare con del Silicio organico, formula utilissima per fissare il calcio, 30 ml al mattino per un ciclo di 4 mesi, 1 mese di sospensione e poi un’altro ciclo.
      Le consigliamo comunque di condividere questa integrazione con il suo medico che la segue, al fine di operare tutti in sinergia per ottenere il miglior risultato possibile.
      Saluti,
      Dott. Francesco Mandó Tacconi

      Rispondi
  15. Buongiorno, per tendinite alle spalle in farmacia mi ha consigliato la farmacista sali Dr Schussler n.1 ; calcium fluoratum D12… non so se mi ha consigliato benè perché l’ho visto insicura. Grazie

    Rispondi
  16. Buongiorno, ho sempre molto muco gola non riesco a star bene, nella stagione invernale devo assumere spesso antibiotico per
    infezioni tracheale, che sali mi consiglia?Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno Bruna,
      i sali indicati sarebbero tre in caso di raffreddamento invernale:
      – fosfato di ferro nella fase iniziale del processo infiammatorio e del raffreddore 4+4 cps nell’arco della giornata
      – solfato di potassio per le secrezioni di muco e catarri 4+4 associati al precedente nell’arco della giornata
      – cloruro di potassio se i catarri sono abbondanti e compare il coinvolgimento dei bronchi 6+6 nell’arco della giornata.

      Le consiglio comunque di rafforzare il suo sistema immunitario fin da adesso, al fine di arrivare più preparata all’inverno:
      Ligne défense Bio 1 ampolla al mattino in un bicchiere d’acqua
      Delta C90 1 cp al giorno al mattino

      Saluti,
      Dottor Francesco Mandò Tacconi

      Rispondi
    • Buongiorno Signora Alberta,

      per suo figlio sarebbe opportuno assumere due sali contemporaneamente:

      – Kalium Sulforicum 4 al mattino 4 alla sera continuativamente.
      – dopo l’allenamento e la partita Magnesium Phosforicum 4 cp prima di andare a letto.

      consiglierei anche un ciclo di tre mesi, alla ripresa degli allenamenti, di Silicio organico, 30ml al mattino e dei massaggi post allenamento di Kotor Gel Silicio.

      Saluti

      Rispondi
  17. Buongiorno dottor Tacconi. Sono una fibromialgica in remissione dai sintomi , non prendo farmaci da 4 anni e mi curo con vitamine C ,B, D e K2 ad dosaggi connsistenti. Prendo anche il Magnesio, di solito il Citrato, ma ultimamente sono passata al Cloruro ed ho avuto riacutizzazione della IBS mi chiedevo se i sali di Shussler n.7 che ho già usato per mal di testa e mal di denti, possa servire anche ad integrare il magnesio come adiuvante della vitamina D3- colicalciferolo.
    Grazie

    Rispondi
    • Gentilissima Morena,
      Direi che integrare il sale n.7 sia una buonissima idea, però ad una posologia un po’ più alta: 6 cps al mattino e 6 cps alla sera, in abbondante acqua.
      Saluti

      Rispondi
  18. Salve,
    ho 63 anni e da un paio soffro di sudorazione eccessiva localizzata solo su viso e testa. non sudo sul resto del corpo.
    gocciolo talmente, anche sulla nuca all’attaccatura dei capelli, che in estate mi privo anche di uscire perchè questo problema mi crea non poco imbarazzo.devo dire che in inverno mi capita raramente anche se ho sempre caldo.
    mi hanno consigliato i sali e nello specifico il n.8 Natrium Chloratum D6 e il n.11 Silicea D12.
    Vanno bene per il mio problema?
    E nel caso, qual’è la posologia corretta per entrambi, se assumerli a cicli di quanto tempo e/o per quanto tempo?
    Ringraziandovi, cordiali saluti
    Maria

    Rispondi
    • Gentilissima Maria,
      i due sali vanni bene e le consiglio di assumenrne 2 cps al mattino e due alla sera (di ognuno) per almeno tre mesi.
      Inoltre, aggiungerei Magnesio b6 Rodiola e Griffonia, 1 cp al mattino e 1 alla sera per coadiuvare il lavoro di entrambe i sali.
      Saluti,
      Dott. Francesco Mandò Tacconi

      Rispondi
  19. Buongiorno, da circa 1 mese soffro di sudorazione , eccessiva salivazione e spesso mi va di traverso il cibo soprattutto la carne
    in farmacia mi hanno dato gocce di tiglio da prendere prima dei pasti e Natrium Chloratum D6 da prendere lontano dai pasti
    Vorrei un vostro consiglio sulla posologia se possibile
    Grazie mille, Elena

    Rispondi
    • Carissima Elena,
      per quanto riguarda il tiglio, vorrei sapere che tipo di gocce sono: tintura madre, estratto liquido, macerato glicolico, soluzioni. Altrimenti, non saprei indicarle la posologia.
      Per quanto riguarda il Natrium Chloratum D6 ne dovrebbe assumente 4 tra colazione e cena e 4 tra pranzo a cena in abbondante acqua.
      Saluti

      Rispondi
    • Buongiorno, volevo avere qualche consiglio per mia figlia, in quanto é 10 giorni che soffre di mal di testa, oltre a questo è molto chiusa a livello di naso, stamattina l’ho portata dal medico e la pressione era molto bassa 60 90, mi ha dato bentelan 2 compresse al giorno per 5 giorni, volevo sapere se posso integrare con i sali. Siccome è soggetta a sinusiti, l’anno scorso mi sembra di aver usato il nr 6 ma non sono sicura, se per cortesia mi può aiutare, grazie Debora

      Rispondi
  20. Soffro da anni di vertigini labirintite e sindrome di menier ,molto invalidante è possibile curarsi o almeno avere aiuto dai sali ? Grazie Graziella

    Rispondi
    • Gentilissima Graziella,
      potrebbe provare Natricum Sulfuricum 2 cp al mattino in 500 ml di acqua e 2 cp la sera in 500 ml di acqua.
      Sarebbe molto utile anche Acerola 1 cp al mattino come antiossidante.
      Saluti

      Rispondi
  21. buona sera volevo un suo consiglio sulla mia malattia (asma Cronica )in terapia farmacologica da anni se posso integrare i suoi sali e quale ? .Grazie !

    Rispondi
  22. Buongiorno mi chiamo Laura e da un po di tempo ho messo su peso, mi sento gonfia e bloccata. L’intestino crasso È gonfio e infiammato. Passo da diarrea a stitichezza e le mie feci sno sempre calde. Mi sento pesante. Ha qualche consiglio.

    Grazie

    Rispondi
  23. Buongiorno, soffro di acne alla minima oscillazione ormonale ormai da 20 anni (ne ho 33). A volte peggiora durante l’ovulazione, altre durante il ciclo, non c’è una costante e non riesco a stabilizzarla agendo su quello, che è regolarissimo e non ha problemi di per se, sembra solo che la pelle sia molto sensibile a qualsiasi cosa. Silicea può andare bene? Dopo quanto tempo si può avere un riscontro della correttezza dell’assunzione? Grazie mille.

    Rispondi
  24. Buongiorno,
    Volevo sapere se i sali n.1 e n.11 vanno bene anche in presenza di tiroide di hashimoto trattata con tirosint.
    Mi sono stati dati per capillari fragili e ematoma.

    Rispondi
  25. Buongiorno,
    da un paio di anni ho una sciatalgia che viene e va. Ho trovato grande giovamento durante la fase acuta con il 7 bollente(10 compresse sciolte in un bicchiere di acqua).
    Come potrei curarmi per debellarla definitivamente? Mi capita comunque di avere spesso i muscoli contratti.
    Grazie

    Rispondi
    • Gentilissima Fabiola,
      direi di attuare un protocollino semplice ma efficace.
      Nella fase acuta: Artiglio del diavolo in ampolla in 200 ml di acqua da bere nella mattinata, in associazione con NEUROVITOL 3 cp al giorno e continuare il 7 come posologia indicata.
      Pare post acuta: Artiglio del diavolo in ampolla in 200 ml di acqua da bere nella mattinata 1 ampolla ogni 3 giorni, in associazione con NEUROVITOL 2cp al giorno e continuare il 7 4 cp in acqua calda, e Silicio organico un misurino in 500 ml da bere nella giornta.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  26. Buongiorno, uso da anni il n.7 per i dolori mestruali e mi trovo benissimo. Sono felice di aver scoperto questi sali. Mi capita spesso di avere dei dolori intercostali che mi durano una settimana o più (dovuti a colpi di freddo). Ci sono sali più adatti di altri da poter assumere in modo da alleviare il dolore? O mi consigliate altro, tipo creme o unguenti? Grazie

    Rispondi
  27. Buona sera,
    ho acquistato il Natrium phosphoricum d6 per mia figlia di 8 anni per combattere i pidocchi, su consiglio di alcune amiche, che però non sono state in grado di comunicarmi il dosaggio della terapia dal momento che lo hanno utilizzato diversi anni fa e per questo non lo ricordano. Per questo chiedo cortesemente se è possibile sapere dosaggio e periodo di cura da intraprendere, non potendo pensare di usarlo per tutti i nove mesi di scuola.
    Con cordiali saluti.

    Rispondi
    • Gentile Roberta, una compressa tre volte al giorno per i mesi in cui si presenta il problema a scuola, interrompere dopo 15 giorni dalla cessata infestazione.

      Rispondi
  28. Buongiorno dottore, sono Alessandra. Gentilmente vorrei avere informazioni per risolvere il problema delle vampate da menopausa appena iniziata. Di notte mi sveglio completamente fradicia. Grazie della sua attenzione

    Rispondi
  29. Ho comprato per mia figlia di 20 anni Natrium phosphoricum con che cosa potrei integrare visto il suo problema con acne giovanile e dermografismo. La sue pelle è molto pallida e rossore si evidenzia molto. Grazie

    Rispondi
  30. Buonasera Dott Tacconi,
    Sono seguita da una Naturopata che mi ha dato da assumere nell’arco di tutta la giornata (sotto la lingua ) diversi tipi di sali che ho iniziato da circa 10 giorni.(cura per tre mesi)
    Sono un mix ed esattamente:
    Calcium floratum D 12- calcium phosphoricum D 6 – Ferrum phosphoricum D12 – Kalium sulfuricum D6 – Magnesium phosphoricum D6 – Silicea D6
    Ho 62 anni e accuso da alcuni mesi dolori alle articolazioni (giunture) in generale, nonostante faccia sempre ormai da molti anni Pilates.
    la Naturopata guardandomi il viso (colorito, pelle , occhi , ecc) ha deciso quali sali erano necessari per me.
    La domanda che desidero porgere era sapere se è normale sentirsi gonfi sopratutto nella pancia (mi crea molta aria) e aumentare di peso.
    Contengono zuccheri?
    La Naturopa dice che può’ succedere nel primo caso mentre per l’aumento di peso non le è mai capitato.
    Nella vita assumo solo prodotti omeopatici (rare volte prodotti allopatici)
    Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti
    Marina

    Rispondi
    • Gentilissima Marina,

      La sintomatologia che presenta, dalla mia esperienza, non dovrebbe essere legata all’assunzione dei sali, dal momento che la composizione non dovrebbe portare a questo tipo si sintomo. Ma potrebbe essere dovuto ad una sua ipersensibilità ai sali. Forse sarebbe il caso di concordare con la sua Naturopata la sospensione o la riduzione della posologia e vedere l’evolversi dei sintomi.

      Per il problema suggerirei un ciclo di tre mesi di Silicio organico (https://www.naturelab.it/silicio-organico-bevibile/) associato a Kotor articulations (https://www.naturelab.it/kotor-articulations/), 2 cp al giorno.

      L’aumento di peso lo escluderei sicuramente, ha variato la sua alimentazione nell’ultimo periodo?! Per contrastare questo sarebbe utile integrare un drenate del tipo Equiseto o Ortica che nel contempo aiutano la remineralizzazione delle ossa e del tessuto cartilagineo.

      Grazie di averci contattato, saluti.

      Rispondi
  31. Buonasera dottore, quale sale è indicato assumere per cistite emorragica (già trattata con Monuril) e con quale posologia in fase acuta?
    Grazie per la gentile risposta

    Rispondi
  32. Buongiorno soffro di diarrea, sindrome del colon irritabile, da diversi anni, non ho trovato giovamento , se non lieve, con diverse cure , assumo regolarmente proibitici che mi sono un po di aiuti, ho anche problemi di fibromialgia e sindrome da fatica cronica, non conosco i sali e volevo sapere se ce n’è qualcuno che fa al caso mio grazie.

    Rispondi
    • Buongiorno,
      per i sali di shussler potrebbe provare MAGNESIUM PHOSPHORICUM D6, 4 cps sciolte in abbondante acqua durante la giornata.
      Consiglierei altresì EQUISETO, estratto fluido 1 ampolla in 500 ml di acqua (https://www.naturelab.it/equiseto-bio/) e integrerei con Piantaggine, 1 ampolla in 500 ml di acqua (https://www.naturelab.it/piantaggine-bio/), al fine di calmare i processi infiammatori intestinali e reintegrere i sali persi. La durtata del trattamento dovrbbe proseguire almeno per tre mesi
      Grazie di averci contattato, saluti.

      Rispondi
  33. Buongiorno,
    mia figlia di 8 anni é piccolina (112 cm tutto ok con ormoni crescita ecc.). Mi hanno consigliato di darle i sali, in particolare il numero 1 ma vedo dal sito che anche il 2 potrebbe aiutare. Mi puó consigliare meglio su cosa darle e in che quantitá giornaliera?
    Grazie e saluti.

    Rispondi
    • Buongiorno,
      Per i sali di shussler potrebbe provare Calcium phosphoricum, 2 cps sciolte in abbondante acqua durante la giornata per almeno un mese poi salire a 4 cps per almeno altri 3 mesi.
      Grazie di averci contattato
      Saluti

      Rispondi
      • Buonasera dottore, la ringrazio per l’interessante descrizione dei Sali, che ho scoperto per caso, e desidero chiederle se il loro utilizzo può essere utile per mio figlio (57 anni) insulinodipendente dall’età di 17 anni, 10 mesi dopo la morte del fratello causata da ossido di carbonio mentre faceva il bagno ospite a casa di uno zio. Tutti gli esami effettuati allora dimostrarono che il suo diabete non era di origine ereditaria, nessun diabetico in famiglia. Naturalmente con gli anni l’uso quotidiano dell’insulina ha creato parecchi problemi, ed io le chiedo se l’uso dei sali può aiutarlo per la microcircolazione e se il n.9 che agisce sul sistema ghiandolare può aiutarlo a rigenerare il suo pancreas che ancora funziona un pò.
        La ringrazio e saluto cordialmente.
        Rosanna Biora

        Rispondi
        • Buongiorno Sig.ra Rosanna,
          di fronte ad un diabete insulino dipendente, possiamo far ben poco, anche se l’integrazione con sali di schlusser non è controindicata.
          Potrebbe utilizzare il sale numero 9, 2 cps due volte al girono sciolte in molta acqua.
          Le consiglio un’idratazione continua e fare del movimento.
          Grazie di averci contattati

          Rispondi
          • Siamo spiacenti Stefania, ma il dottor Francesco Mandò Tacconi è impegnato in prima linea quale responsabile della farmacia del presidio ospedaliero della Usl Toscana nord ovest e non potrà rispondere alle vostre domande durante la crisi Covid-19.

  34. Buongiorno purtroppo negli ultimi anni dopo 3 fivet e due gravidanze ho accumulato circa 20 kg. Credo che il mio metabolismo sia completamente bloccato. Mi potrebbe aiutare ? Cosa mi potrebbe aiutare in questo percorso?
    La ringrazio
    Giovanna

    Rispondi
    • Buongiorno Giovanna,
      le informazioni che ci fornisce sono limitate le consiglio di mettersi in contatto con me, tramite i canali di NatureLab, al fine di capire dopo un breve colloquio, quale strada intraprendere.
      Saluti

      Rispondi
  35. Buonasera,
    Gentilmente sono a richiederle la seguente info. In vista del cambio di stagione che n. Di sale mi consigliererebbe per ridurre la stanchezza e affaticamento? Io ho 37 anni eventulam lo stesso sale lo può prendere anche mio papà che ha 67 anni? La ringrazio un saluto Anna

    Rispondi
    • Siamo spiacenti Anna, ma il dottor Francesco Mandò Tacconi è impegnato in prima linea quale responsabile della farmacia del presidio ospedaliero della Usl Toscana nord ovest e non potrà rispondere alle vostre domande durante la crisi Covid-19.

      Rispondi
  36. Buongiorno, il mio bimbo ha 11 mesi, e soffre ancora molto di coliche e spasmi dolorosi soprattutto nella tarda nottata dove questi lo svegliano…0otrebbeto andare bene i sali numero 8?Posso associarlo al COLIKIND che 0tende abitualmente o meglio sospendere durante l’assunzione dei sali??
    Grazie mille.

    Rispondi
    • Siamo spiacenti Giulia, ma il dottor Francesco Mandò Tacconi è impegnato in prima linea quale responsabile della farmacia del presidio ospedaliero della Usl Toscana nord ovest e non potrà rispondere alle vostre domande durante la crisi Covid-19.

      Rispondi
    • Siamo spiacenti Angela, ma il dottor Francesco Mandò Tacconi è impegnato in prima linea quale responsabile della farmacia del presidio ospedaliero della Usl Toscana nord ovest e non potrà rispondere alle vostre domande durante la crisi Covid-19.

      Rispondi
  37. Buongiorno, soffro di Hascimoto autoimmune da molti anni. Ho un sacco si patologie. Cerco di aiutarmi con alimentazione corretta e qualche vitamina. Non tollero gli ormoni ufficiali prescritti dal medico. Ho un grossissimo problema ai piedi di duroni è un prurito incontrollabile sia ai piedi e alle mani. Per caso ho scoperto il sale dott Schussler e in una sanitaria la dott.ssa mi ha detto che ho carenza di Calcium fluoratum. Ho acquistato il sale dott Schussler che mi ha aiutato da subito, anche se sono al inizio, mi accontento.
    Siccome ho una sudorazione eccessiva, chiedo quale altro sale posso associare per tentare di migliorare la mia situazione. E con quali dosi. Grazie

    Rispondi
  38. Buon giorno .chiedevo se posso prendere il sale n 7 per spasmi essendo intollerante al lattosio ….e cosa mi consigliate per morbo di crohn ?sono in fase attiva e sempre mal di pancia e coliche…più ansia …grazie mille

    Rispondi
  39. sono 2 mesi che prendo cortisone DELTACORTENE ho iniziato da 25mg e scendendo progressivamente sono arrivato a 5mg con sintomi di dolori articolari alla spalla destra e gonfiori alle mani, molto la mattina con difficolta’ a chiudere e poi migliorando durante la giornata. la prima analisi del sangue 28 marzo 2020
    fibrinogeno 650 ves 77 prc 9.
    seconda analisi fatta il 18 giugno con dose 5mg fibrinogeno390 ves 44 pcr4
    il mio dottore mi ha comunicato di aumentare la dose DELTCORTENE per 10
    giorni a 10 mg. ho 78 anni fisico asciutto peso 56kg. non ho altre malattie.
    da considerare che nel 2011 e 2016 ho fatto la stessa cura con sintomi ancora piu’
    marcati. diagnosi polimialgia reumatica.
    chiedo cortesemente se posso integrare con i sali minerali questa infiammazione
    oppure cosa posso fare per diminuire il cortisone.
    grazie
    cordialmente
    BRUNO PIACENTINI

    Rispondi
  40. Buongiorno dottore mi chiamo Giampietro ho un fortissimo esaurimento nervoso con crisi di ansia e disperazione uniti ad acufeni bilaterali tipo fruscio che secondo otorino dipendono da mialgia artro temporo mandibolare e tensione e blocco omolaterale cervicale,esasperato e refrattario a psicofarmaci sto provando da due gg kalium fosforicum 12 cps(anche se un pò in genere il latte mi da fastidio pur non avendo intolleranza classica) e una pomata di calcium fluoratum che purtroppo mi dicono non venga prodotta più,dico purtroppo perche appena messa un paio di volte mi sembrava di averne tratto giovamento a livello di volume degli acufeni.Cosa mi consiglia dottore posso associare in pasticche kalium fosf. e calcium fluoratum? con che posologia?Esistono marche di calcium fluoratum pomate in commercio per sua conoscenza?La ringrazio molto

    Rispondi
  41. Buongiorno dottore,
    mio omeopata mi ha prescritto 12 sali di Schussler (da prendere al mattino e la sera) per l’osteoporosi che mi e venuta con la menopausa. Leggendo pero tutti i commenti mi viene il dubbio se sia bene prendere tutti i 12 sali insieme. La confezione contiene delle compresse che si possono sciogliere in acqua.
    Le sarei grata per un consiglio.
    Grazie mille

    Rispondi
  42. Buongiorno.
    Mi hanno detto che le compresse possono essere anche sciolte in acqua da bere durante la giornata.
    E’corretto ?
    Grazie,
    Alberto.

    Rispondi
  43. Buongiorno! Il mio compagno prende, ogni giorno (circa) al 14 di luglio i sali di Schussler n.5.
    10 compresse in mezzo litro di acqua, al giorno. Può ancora assumerli se c’é necessità? Grazie!

    Rispondi
  44. Gentile dottore, pur essendo normopeso accumulo molto grasso nell’addome che risulta sempre teso, gonfio ed espanso, qualunque assunzione di cibo peggiora la situazione, l’alvo è regolare, cosa mi consiglia? Soffro anche di calcoli alla cistifellia

    Rispondi
  45. salve dottore mi chiamo cristina vorrei chiederle info per 3 soggetti:
    scusi la lunghezza del messaggio
    1 mamma: dalla menopausa soffre osteoporosi ora grave..ha 65 anni.
    2 anni fa dopo una caduta si è rotta femore e ha assunto farmaco forte puntura per 2 anni farmaco forte che le ha causato gotta. sospeso pochi gg fa .
    inoltre da 10 anni soffre anche di forti disturbi digestivi: reflusso forte .. mangia pochissimo . a livello intestinale produce feci strette e ha forte gonfiore intestinale, fa mille rutti al giorno….ha tentato molte strade ma senza successo, la notte non dorme quindi spesso non mangia per poter dormire…ha perso 15 kg in 20 anni….
    2. figlio:
    è nato con reflusso importante durato 2 anni (vomitava molto, piangeva , non dormiva, singhiozzi frequenti….)
    ora ha 4 anni …alterna alito acido, feci bi-colori diversissimi nella stessa scarica, tensioni, singhiozzi lunghi, inappetenze.
    da 2 mesi su consiglio di un naturopata assume Sali schlusser n. 5 e ha ottenuto otttimi risultati!! pur agendo il n. solo sul sistema nervoso …giusto? devo integrare con altro sale? inoltre soffre di otiti per ristagno catarro nelle orecchie, quando ha il raffreddore il suo catarro trasparente dura moltissimo pare aumentare e lo ritroviamo molto nella gola. ha tonsille molto grosse sempre.
    a cosa associo n.5 che prende 1 compressa 2 volte al gg…devo fare pause?
    io: come mia mamma, zie materne perdo molti capelli. dalla prima gravidanza(anche loro dalle gravidanze o menopausa)
    ho 43 anni perdo capelli da 12 anni . solo durante la seconda gravidanza ho avuto un rinfoltimento.
    perdo capelli anche giovani, sottili. soffro di sintomi legati agli ormoni (vene varicose, emorroidi, cefalee, ovulazioni dolorosissime, cambio umore gonfiori da una settimana prima del ciclo,mi accaldo facicilmente e soffro freddo fino a labbra e dita viola/bianche se c’è cambio repentino di temperatura..) devo combinare silicio a 11+1+3?
    grazie mille!!!

    Rispondi
  46. Gentile dottore, sto assumendo da alcuni giorni il calcium sulfuricum d6 per vedere se poteva essermi di aiuto a risolvere un problema di prurito cronico intimo che aveva portato la mia pelle ad escoriarsi moltissimo nella zona grattata. Sul problema del prurito non ho risolto granche, ma sulla pelle in generale ho avuto risultati fantastici, ossia mi si è normalizzato acne e sebo. La mia domanda è se posso continuare a prendere il calcium sulfuricum sempre come mantenimento tipo una compressa al di, per evitare che la mia pelle ritorni come prima. La seconda domanda è se ci sarebbe un sale piū specifico per il mio problema di lichen. Grazie
    Maria Teresa

    Rispondi
  47. Bongiorno sono stato operato di ipertrofia prostatica 10 anni fa.ma le cose piano piano peggirano soprattutto la notte . Mi devo alzare 10 volte .cosa mi consiglia . senza perdere la mia sessualità grazie

    Rispondi
  48. Buonasera dottore,
    La salute di mia madre sta peggiorando progressivamente e mi piacerebbe poterla aiutare. I suoi punti deboli principali
    1.Prolasso uterino e rettale ( intervento a breve)
    2. Legamenti spalla dx rotti (intervento a breve)
    3. Dolore alle ossa
    4. Acidità/bruciore da helicobacter pylori
    5. Febbricole vespertine sui 37,5° con dolori alle ossa accentuati
    6. Occasionalmente: aritmie, Palpitazioni. Cuore in sofferenza secondo il cardiologo, ulteriori esami da fare
    7. Vene varicose
    8. Episodi di pressione alta
    9. Carotide occlusa al 40% da grumo di colesterolo se non erro.
    10. Difficoltà di concentrazione, tendenza a dimenticare, confusione mentale.
    Da pochissimo ho scoperto i sali di Schüssler e mi chiedo se possano aiutarla. Sono orientata su
    calc fluor, cal phos, nat phos ( ha la lingua patinosa alla base) ma non sono sicura che siano quelli indicati, né tantomeno la posologia. Se potesse aiutarmi, gliene sarei molto grata

    Rispondi
    • Buongiorno direi che il quadro di sua madre è molto articolato:
      direi che l’utilizzo dei sali potrebbe essere utile, CAL FLUOR 2 cps sciolte in abbondante acqua e NAT PHOS 3 cps sciolte in abbondante acqua, il tutto da bere nella giornata.
      Inoltre aggiungerei Oro oligotracce 1 fl al mattino e Magnesio oligotracce 1 fl la sera, Neurovitol 1 cps al mattino.
      Saluti

      Rispondi
  49. Buongiorno dottore,
    da un paio di mesi il mio sonno è interrotto (tra le 2 e le 4 del mattino e poi non riesco più a riprendere sonno) dal mio gatto che sta invecchiando e, avendo qualche problema, necessita del mio aiuto quotidianamente. Purtroppo questa mancanza di sonno mi porta una stanchezza fisica ma soprattutto mentale, con perdita di concentrazione e memoria (elementi fondamentali per il mio lavoro, ma non solo ovviamente). Sempre in conseguenza di tali episodi di interruzione del sonno spesso accuso mal di testa, soprattutto al mattino. Ho 53 anni. Potrebbe gentilmente indicarmi qualche rimedio. La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.

    Rispondi
  50. Buongiorno,
    Ho un problema di rigidità alla colonna vetebrale. Mi hanno consigliato il sale numero 1. Vorrei sapere se il consiglio è giusto ed inoltre la modalità e gli orari di asunzione.
    Grazie.

    Rispondi
    • Buongiorno,
      sicuramente il sale numero 1 è indicato alla posologia di 2 cp sciolte in abbondante acqua 3 volte al giorno.
      Affiancherei al sale numero 1 anche:
      – magnesio oligotracce 1 fl al mattino e 1 fl alla sera per almeno 30 giorni, al fine di rilassare le fasce muscolari
      – Kotor silicio organico 30 ml al giorno per almeno 2 mesi, al fine di facilitare il ripristino dell’elasticità del sistema osteoraticolare.
      Saluti

      Rispondi
  51. Buongiorno, ho 68 anni, ho vari problemi ma uno in particolare è la pelle sottile e delicata a volte mi ritrovo con piccoli tagli .uso le creme dei sali la 1 e soprattutto la 11 vorrei prendere i sali corrispondenti, e inoltre chiedo se posso aggiungere acido ialuronico o/e vitamina e grazie .

    Rispondi
  52. Ho problemi di allergie (polvere , graminacee, parietaria…) Poliposi nasale e turbinati infiammati. Prendo attualmente Th2 e l’antistaminico per alleviare i disturbi di questo periodo. I sali e quale eventualmente potrebbero aiutarmi? Grazie

    Rispondi
  53. Buongiorno Dottore,
    soffro di fascite plantare al piede destro da più di 2 anni, in quest’ultimo periodo l’infiammazione è maggiore che in altri. Ho 55 anni e sono in menopausa da tre.
    Da poco mi hanno consigliato i sali di Schlusser e ho iniziato a prendere il n. 7, è sufficiente? Quali possono essere i tempi di guarigione?
    La ringrazio, il suo blog è molto interessante.
    Barbara

    Rispondi
  54. Egregio dottore, soffro da parecchi anni di una forma di rinite forte, con starnuti imponenti, scolo acquoso continuo nasale e prurito interno intenso, alle volte pure occhi bagnati di lacrime. Questo tutto l’anno, non stagionale: sto bene alcuni giorni, poi riprende. Ho fato diverse volte test (standard), sempre negativi. Quindi catalogata come rinite vasomotoria non avendo indagato con altri test.
    Sono invalidata per soffiarmi continuamente il naso, lavarmi le mani col tovagliolo impregnato di scolo acquoso al fine di igienizzarmi e proseguire sperando di poter fare qualcosa in casa, ma -ancora sul lavandino- nuovamente goccioloni…Non riesco a fare altro in quei giorni.
    Ho provato spray di tutti i tipi, antistaminici x bocca. Ora anche ribes nigrum.
    Spero tanto nei sali di Schussler. Chiedo veramente aiuto. Grazie.
    —–
    Leggo dalle risposte che si possono diluire in acqua, ma non saprei regolarmi. C’è una regola generale?
    Grazie ancora.

    Rispondi
    • Buongiorno,
      in riferimento a quanto decritto direi che potremmo provare con le Oligotracce:
      Argento oligotracce + Bismuto oligotracce + Manganese oligotracce 1 fl di ognuno al mattino e 1 fl di ognuno la sera (tot. 3 fl 2 volte al giorno) presi in sequenza sub linguali al mattino prima di colazione e la sera ½ prima di andare a dormire.
      Credo che questo sia l’approccio migliore per la problematica descritta: il trattamento dovrà essere fatto almeno per due mesi.
      Saluti

      Rispondi
  55. Buongiorno dottore a mia moglie hanno trovato un pochino di renella. Il rene un pochino ingrossato. È da un paio di giorni che ha dolori. Il nostro dottore le ha dato un antibiotico, però preferivo farle prendere qualcosa di naturale e avendo sentito dei 12 sali di Schüssler le volevo chiedere se poteva consigliarmi qualcosa. In attesa di una sua risposta le porgo cordiali saluti.

    Rispondi
    • Buongiorno,
      Più che i sali sarebbe opportuno un’integrazione di tipo fitoterapico.
      L’ideale sarebbe una miscela di Ribes nero 1 ampolla + Minci bio 1 ampolla in 1 litro di acqua da bere dalla mattina al primo pomeriggio.
      Inoltre sarebbe opportuno Ligne Cys Forte valenza fisiologica 1 cps al mattino uno alla sera per non incorrere in recidive.
      saluti

      Rispondi
  56. Buongiorno, ho 37 anni e da qualche anno, esattamente dopo la nascita del terzo figlio soffro di tensioni e rigidita’ muscolari, mancanza di fiato e di conseguenza stanchezza e mancanza di energia che mi rendono la vita difficile. Dopo diversi esami, che non hanno rilevato per fortuna nulla il mio medico mi ha dato una compressa di dopamina al giorno considerandolo un problema neururologico. Non posso dire che la cura non mi abbia aiutato, ma sento che ho bisogno di altro, soprattutto perche’ ho recidive.Ho gia’ preso in passato i sali, ma di mia spontanea volonta’ e vorrei un consulto piu’ specifico grazie.

    Rispondi
    • Gentile Elena,
      un consulto più specifico non può avvenire da un commento ad post. Serve un confronto. MI contatti direttamente via email.

      Rispondi
  57. Buonasera,leggendo in questa sezione ho trovato i rimedi sia per la caduta dei capelli che per l’iperidrosi.
    per la caduta dei capelli ho letto che sono adatti i sali 1 ed 11(10 cp di entrambi i sali) da assumere sia disciolti in acqua che per via sublinguale abbinati alle compresse di kotor ovitol più silicio organico sempre kotor.
    Per l’iperidrosi che parte dalla testa il consiglio è quello di assumere il sale 8 e il sale 11 però nella misura di due cp al mattino ed alla sera in abbinata al magnesio b6 rodiola e griffonia.
    Ora, quello che vorrei sapere è come abbinare i due trattamenti, ovviamente se possibile, dato che io ho entrambi i problemi.
    vi ringrazio.

    Rispondi

Lascia un commento