Cinque piante ayurvediche efficaci per il diabete

Il diabete

La diffusione del diabete, definito dall’OMS “epidemia globale”, è in costante aumento, con tutte le complicazioni che ne derivano.
Le piante ayurvediche, utilizzate da migliaia di anni, sono in prima linea nella ricerca di metodi naturali per contenere la diffusione di questa malattia.
Uno studio recente dimostra come, diverse di queste piante, abbiano meccanismi d’azione tali da spiegare scientificamente la loro efficacia.

Nel 2020 il 5,3% della popolazione europea era in cura per il diabete. Questa cifra non tiene conto delle persone con pre-diabete o dei diabetici che non sanno di esserlo.
Eppure esistono molti segnali di allarme che possono aiutarci a prendere in tempo le misure necessarie per rallentare o, addirittura, arrestare il peggioramento di questa condizione.

Tra le soluzioni efficaci, le piante medicinali sono ampiamente riconosciute per i loro potenti effetti,1-2 così come le piante ayurvediche.3-4 Infatti, le piante ayurvediche sono tra le “migliori piante per la gestione del diabete di tipo 1 e di tipo 2“, secondo una revisione di studi clinici.5

Diabete e medicina ayurvedica, una tradizione millenaria

L’Ayurveda, che in sanscrito significa “scienza della vita”, è una raccolta di testi della più antica tradizione medica olistica del mondo, risalente ad almeno cinquemila anni fa. Diversi pilastri caratterizzano questa medicina ancestrale: dietetica, vita sana, digiuno, yoga e fitoterapia.

L’ampia gamma di effetti clinici delle piante ayurvediche è stata dimostrata più volte, in particolare nel caso del diabete: l’India è una terra di piante medicinali potentemente attive contro questa malattia e le sue complicazioni.
Ecco un selezione non esaustiva di piante utili per la regolazione del diabete.

Margosa, o cetriolo amaro (Momordica charantia): anche per combattere le infezioni e rafforzare le difese immunitarie

Questo frutto della famiglia delle Cucurbitaceae è utilizzato nella cucina indiana. Tra le sue numerose qualità, la margosa possiede proprietà antibatteriche, antivirali, immunomodulanti, antinfiammatorie ed epatoprotettive.6

Sarebbe impossibile elencare tutti i suoi effetti, tanto sono numerosi. L’intera pianta (frutti, foglie, radici e semi) è stata utilizzata come pianta medicinale per il trattamento del diabete fin dall’antichità e ancora oggi svolge un ruolo importante nella prevenzione e nel trattamento del diabete in molti Paesi dell’Asia, dell’Africa e delle Indie Occidentali.

Secondo studi clinici, la margosa è in grado di ridurre l’eccesso di zuccheri nel sangue e i livelli di emoglobina glicata, un riflesso della concentrazione di zuccheri nel sangue negli ultimi due o tre mesi.6-7 Inoltre, stimola la secrezione di insulina da parte del pancreas e l’utilizzo dello zucchero nel sangue da parte degli organi (riducendone così i livelli nel sangue).

Questi effetti sono legati anche alla presenza di uno specifico peptide (pezzo di proteina) in grado di legarsi al recettore dell’insulina e di mimarne l’azione.8 I ricercatori hanno combinato la margosa e il fieno greco (vedi sotto) in diabetici di tipo 2 sottoposti a trattamento allopatico,9 riducendo non solo i livelli di zucchero nel sangue, ma anche il colesterolo totale, il colesterolo LDL (quello “cattivo”) e i trigliceridi.

Ancora più sorprendente e promettente: gli estratti di margosa sembrano essere in grado di modificare la morfologia delle isole pancreatiche responsabili della secrezione di insulina.

Per trarre i suoi benefici, usatela in cucina: iniziate aggiungendo piccole quantità ai vostri soffritti di verdure, poiché la margosa è molto amara! I più avventurosi possono provare la margosa ripiena o in insalata.

Esistono vari suggerimenti per utilizzare la margosa, in particolare per ridurne l’amaro: togliere la buccia e la polpa in superficie, eliminare i semi, mettere sotto sale, immergere in acqua zuccherata con cubetti di ghiaccio, cuocere rapidamente a vapore (da 5 a 10 minuti) o aggiungere succo di limone. Si può anche preparare un succo fresco con un estrattore di succo e berne un bicchierino ogni giorno.10
NB: la margosa è controindicata in gravidanza.

Guduchi (Tinospora cordifolia): anche per reumatismi e allergie

Questo arbusto rampicante è originario dell’India e dello Sri Lanka. I suoi fusti e le sue radici11 sono utilizzati nella medicina ayurvedica per un’ampia gamma di condizioni, tra cui itterizia, febbre, anemia, allergie, reumatismi e… diabete,12 che è una delle sue principali indicazioni.

Uno studio indiano ha rivelato che questa pianta medicinale è in grado di ridurre i livelli di zucchero nel sangue a digiuno nei diabetici di tipo 2, oltre a migliorare il profilo lipidico, spesso disturbato in questi pazienti: il guduchi riduce il colesterolo totale, le LDL e i trigliceridi.13
Nel 2019, un altro team indiano lo ha combinato con un rimedio ayurvedico tradizionale chiamato “Gokshuradi Guggulu” contenente diverse piante (tribula, guggulu, zenzero, ecc.) in uno studio clinico condotto su 50 pazienti con diabete di tipo 2.14 I risultati hanno mostrato un significativo miglioramento dei sintomi e della qualità della vita per tutti i partecipanti.

Come la margosa, il guduchi ha la capacità di rigenerare le β-cellule delle isole di Langerhans nel pancreas, il che contribuisce al suo potente effetto antidiabetico complessivo. Il guduchi è disponibile in polvere da aggiungere alla dieta.

Gymnema (Gymnema sylvestris): è anche un adattogeno “antizucchero”

La gymnema selvatica si trova solo nelle foreste tropicali dell’India settentrionale e occidentale. Oltre ai suoi effetti antitumorali, antibiotici e protettivi per lo stomaco,15 è considerata anche un adattogeno,16 che aiuta l’organismo a combattere gli effetti generali dello stress in eccesso.

Sebbene la gymnema, il cui nome sanscrito significa “distruttore di zucchero”, sia conosciuta in Occidente solo a partire dal XIX secolo, viene utilizzata nella medicina ayurvedica da diverse migliaia di anni. Ha la sorprendente – e rara – capacità di sopprimere la percezione dei sapori dolci: i suoi composti attivi, come l’acido gimnemico, competono con i recettori dello zucchero nella bocca.

Ma i suoi effetti non si fermano qui: una meta-analisi17 dimostra che la gymnema riduce l’eccesso di zuccheri e di lipidi nel sangue dei pazienti diabetici di tipo 2. La ciliegina sulla torta è che aiuta anche a rigenerare le cellule β del pancreas. La gymnema è disponibile in compresse e capsule.

Gymnema Momordica

Favorisce il metabolismo dei carboidrati, la funzione digestiva e la regolarità del transito intestinale.

Le foglie di Gymnema favoriscono il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi e controllano il senso di fame.
I frutti di Momordica favoriscono il metabolismo dei carboidrati la funzione digestiva e la regolarità del transito intestinale.

Gymnema Momordica
5/stars
Mi ha aiutato a perdere peso. Soddisfatta!.

Ashwagandha (Withania somnifera): anche per prevenire il burn-out e sostenere la ghiandola tiroidea

Importante adattogeno ayurvedico, la radice di ashwagandha è anche antidiabetica, soprattutto grazie ai suoi withanolidi.19 Nei pazienti diabetici di tipo 2, è in grado di abbassare la glicemia, aumentare il colesterolo HDL (colesterolo “buono”) e ridurre i livelli di emoglobina glicata in 30 giorni.

Consente una gestione più completa del diabete riducendo i livelli complessivi di stress, infiammazione e ossidazione dell’organismo e migliorando la funzione delle cellule endoteliali che rivestono l’interno dei vasi sanguigni.20

Nell’uomo, la sua efficacia terapeutica e la sua sicurezza sono state dimostrate21 e gli studi clinici iniziano a concentrarsi sulla sua capacità di ridurre l’insulino-resistenza (caratterizzata dall’indice HOMA nelle analisi del sangue), cioè di aumentare l’ingresso del glucosio nelle cellule.22-23

Withania Capsule

Withania Capsule

Azione tonica

Acquista!
5/ stars
Ottimo il prodotto funziona

Fieno greco (Trigonella foenum-graecum): anche per obesità e sintomi della menopausa

Oltre a essere utilizzati come spezia nella cucina indiana, i semi di fieno greco sono impiegati nella medicina ayurvedica per ridurre l’eccesso di zuccheri e lipidi nel sangue24 In particolare, le loro saponine riducono significativamente i livelli di zucchero nel sangue a digiuno e dopo i pasti nei pazienti diabetici di tipo 2,25 con un aumento dell’insulina a digiuno e una riduzione dell’insulino-resistenza.

Sotto controllo medico, il fieno greco può essere utilizzato per ridurre il dosaggio dei farmaci antidiabetici allopatici.26 Questa pianta sicura ed efficace27 migliora anche i livelli di zucchero nel sangue nei pazienti pre-diabetici.
È particolarmente utile per i pazienti diabetici in sovrappeso o obesi o con iperlipidemia.

È stato dimostrato che i chapatis (dolci di grano indiani) arricchiti con cumino nero e fieno greco migliorano i livelli di emoglobina glicata nei pazienti diabetici per un periodo di dodici settimane.28
La dose efficace raccomandata è di 25 g di semi al giorno,7pari a circa sei cucchiaini. Va notato, tuttavia, che il consumo di fieno greco può influire sull’odore del corpo (pelle, sudore) e renderlo sgradevole.29

Diabete e approccio completo

Anche se queste piante ayurvediche mostrano un elevato potenziale per la gestione del diabete di tipo 1, del diabete di tipo 2 e del pre-diabete, seguire le consuete raccomandazioni sullo stile di vita rimane essenziale.

Controllate il vostro peso, il vostro livello di vitamina D e anche l’ordine degli alimenti che mangiate.
Non auto-assumete vitamina D senza controllo medico, soprattutto se il vostro diabete è poco equilibrato e/o state assumendo insulina.

Importante

Piante in grado di ripristinare le β-cellule pancreatiche

L’insulina è un ormone fondamentale per il metabolismo del glucosio, prodotto dalle β-cellule del pancreas raggruppate in isolotti noti come “isolotti di Langerhans”.
Il diabete di tipo 1 (insulino-dipendente) e il diabete di tipo 2 (non insulino-dipendente, almeno inizialmente) derivano da una disfunzione di queste cellule o da una riduzione del loro numero. Ciò comporta una ridotta secrezione di insulina e quindi un ridotto utilizzo del glucosio ematico da parte degli organi, con complicazioni a lungo termine.

I principi attivi della margosa, del guduchi, della gymnema, del ginseng (ginsenosidi), dell’aloe vera (polisaccaridi del gel) e del crespino (berberina) sembrano essere in grado di ripristinare la massa iniziale delle β-cellule pancreatiche e la loro funzione in entrambi i tipi di diabete.18. Queste piante sono in grado non solo di stimolare l’attività delle cellule β eventualmente ancora presenti nel pancreas, ma soprattutto di riparare o prevenire la morte delle cellule parzialmente danneggiate e di rinnovare questo gruppo di cellule β.

Sono necessarie ulteriori ricerche sui meccanismi d’azione alla base della rigenerazione e della stimolazione delle cellule β osservate, per comprendere meglio il loro valore nella gestione globale del diabete.

Note & Referenze

  1. Systematic Review of Herbs and Dietary Supplements for Glycemic Control in Diabetes, Diabetes Care (2003) , 26(4) : 1277-94
  2. Herbal Medicines for Diabetes Management and its Secondary Complications, Curr Diabetes Rev (2021) ; 17(4) : 437-56
  3. Herbal medicines for diabetes mellitus : a review, Int PharmTech Res (2010) ; 2(3) : 1883-92
  4. Indian Herbs and Herbal Drugs Used for the Treatment of Diabetes, J Clin Biochem Nutr (2007) ; 40(3) : 163-73
  5. Best herbs for managing diabetes: a review of clinical studies, Braz J Pharm (2013) ; 49(3)
  6. Recent Advances in Momordica charantia: Functional Components and Biological Activities, Int J Mol Sci (2017) ; 18(12) : 2555
  7. Momordica charantia Administration Improves Insulin Secretion in Type 2 Diabetes Mellitus, J Medicinal Food (2018) ; 21(7) : 672-77
  8. A randomized, double-blind, placebo-controlled trial to evaluate the hypoglycemic efficacy of the mcIRBP-19-containing Momordica charantia L. fruit extracts in the type 2 diabetic subjects, Food Nutr Res (2022) ; 3(66)
  9. Effects of Momordica charantia (Bittergourd) and Trigonella foenum-graecum (Fenugreek) Supplements in Type-2 Diabetics Taking Allopathic Drugs, J Drug Del Thera (2020)
  10. Traditional herbal remedies used for the treatment of diabetes from district Attock (Pakistan), Pak J Bot (2009) ; 2777-2782
  11. Scientific Validation of the Medicinal Efficacy of Tinospora cordifolia, Sci World J (2013) ; https://doi.org/10.1155/2013/292934
  12. The chemical constituents and diverse pharmacological importance of Tinospora cordifolia, Heliyon (2019) ; 5 : e02437
  13. A clinical trial to assess the antidiabetic, antidyslipidemic and antioxidant activities of tinospora cordifolia in management of type 2 diabetes mellitus”, International journal of pharmaceutical sciences and research (2016) ; 7(2) : 757-64
  14. Evaluation of Gokshuradi Guggulu and Guduchi Churna in the Management of Type II Diabetes Mellitus (Madhumeha), J Res Ayur Sci (2019) ; 32(2) : 48-54
  15. Comprehensive Review on Phytochemicals, Pharmacological and Clinical Potentials of Gymnema sylvestre, Front Pharmacol (2019) ; 10
  16. Prevention of cadmium bioaccumulation by herbal adaptogens, Indian J Pharmacol (2011) ; v. 43(1) ; 43(1) : 45-49
  17. The effect of Gymnema sylvestre supplementation on glycemic control in type 2 diabetes patients: A systematic review and meta-analysis, Phytother Res (2021) , 35(12) : 6802-12
  18. A systematic review of medicinal plants and compounds for restoring pancreatic β-cell mass and function in the management of diabetes mellitus, J Appl Pharm Sci (2023) ; 13(07) : 55-72 ; DOI: 10.7324/JAPS.2023.130422
  19. Hypoglycemic activity of withanolides and elicitated Withania somnifera, Phytochem (2015) ; 116 : 283-89
  20. Evaluation of a highly standardized withania somnifera extract on Endothelial dysfunction and biomarkers of oxidative stress in patients With type 2 diabetes mellitus: a randomized, double blind, placebo Controlled study, Int J Ayur Pharma Res (2014) ; 2(3) : 22-32
  21. Safety and clinical effectiveness of Withania Somnifera (Linn.) Dunal root in human ailments, J Ethnopharmacol (2020) ; 255 : 112768
  22. Withania somnifera (Indian ginseng) in diabetes mellitus: A systematic review and meta-analysis of scientific evidence from experimental research to clinical application, Phytother Res (2020) ; 34(5) : 1041-59
  23. Indian Ginseng (Withania somnifera) in the Management of Diabetes Mellitus, in Ancient and traditional foods, plants, herbs and spices used in diabetes : CRC press (2023)
  24. LC–MS/MS analysis and network pharmacology of Trigonella foenum-graecum – A plant from Ayurveda against hyperlipidemia and hyperglycemia with combination synergy, Phytomed (2019) ; 60 : 152944
  25. Effect of fenugreek (Trigonella foenum-graecumL.) intake on glycemia: a meta-analysis of clinical trials, Nutr J (2014) ; 13(7)
  26. A multicenter clinical study to determine the efficacy of a novel fenugreek seed (Trigonella foenum-graecum) extract (Fenfuro™) in patients with type 2 diabetes, Food Nutr Res (2016) ; 60(1)
  27. Safety and Antidiabetic Efficacy of a Novel Trigonella foenum-graecum Seed Extract, in : Nutritional and therapeutic interventions for diabetes and metabolic syndrome (second edition), Academic press (2018) : 357-64
  28. Nigella sativa and Trigonella foenum-graecum Supplemented Chapatis Safely Improve HbA1c, Body Weight, Waist Circumference, Blood Lipids, and Fatty Liver in Overweight and Diabetic Subjects: A Twelve-Week Safety and Efficacy Study, J Med Food (2020) ; 23(9)
  29. Fenugreek (Trigonella foenum-graecum L.) As a Valuable Medicinal Plant, Int J Adv Biol Biomedic Res (2013)

Lascia un commento