Sindrome da congestione pelvica: cattiva circolazione nell’intimità

Sindrome da congestione pelvica: che cos’è, quali sintomi ha, come si cura

Quando parliamo di cattiva circolazione, pensiamo subito alle gambe pesanti e gonfie, oppure alle vene varicose.
Ma anche altre zone possono essere colpite da questo problema, in particolare la parte bassa dell’addome (pelvi) dove, seppur invisibili, le vene pelviche possono dilatarsi e contorcersi (vene varicose)  e causare una serie di sintomi diversi, riuniti sotto il termine di “sindrome da congestione pelvica”.

Sindrome da congestione pelvica, questa sconosciuta

Un dolore pelvico cronico di intensità variabile, che va dal semplice fastidio al dolore acuto, unito ad una sensazione di pesantezza del basso ventre possono essere un segno di congestione pelvica.

Questa sindrome è caratterizzata dalla formazione di vene varicose, ovariche e uterine, e talvolta anche nella vagina o nella vulva.
Sebbene questa sindrome colpisca soprattutto le donne tra i 20 e i 50 anni, può interessare anche gli uomini, prendendo poi la forma di un varicocele peritoneo e colpisce le vene del cordone spermatico, dove si formano le vene varicose.

I dolori avvertiti a livello pelvico sono il primo sintomo evocativo e, in genere, peggiorano alla fine della giornata o dopo essere stati a lungo seduti o in piedi. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente sdraiarsi per alleviare il dolore, semplicemente perché la pressione sanguigna nelle varici diminuisce. I dolori possono anche intensificarsi durante o dopo i rapporti sessuali, così come durante l’ovulazione, prima o durante le mestruazioni.

Altri sintomi possono comparire a causa della pressione esercitata sugli organi vicini e così la sindrome da congestione pelvica può essere accompagnata da:

  • mal di schiena,
  • pesantezza alle gambe,
  • dismenorrea (dolore mestruale),
  • perdite vaginali,
  • dolori durante il rapporto sessuale,
  • sanguinolento uterino anomalo,
  • gonfiore e sintomi di intestino irritabile,
  • incontinenza da sforzo e problemi urinari (pollachiuria, cistiti ricorrenti),
  • stanchezza,
  • irritabilità
  • e talvolta anche depressione.

Di fronte a questo quadro clinico, non è raro sentir parlare di sindrome premestruale o di endometriosi, ed è vero che i sintomi sono simili, e per di più la sindrome da congestione pelvica è purtroppo poco conosciuta nel mondo medico. Se il medico o il ginecologo ne sospettano la presenza, la diagnosi può essere stabilita dalla palpazione dolorosa delle ovaie e dalla presenza di vene varicose, visibili all’ecografia. La flebografia e talvolta la risonanza magnetica possono completare la diagnosi.

Il trattamento solitamente offerto comprende un progestinico, il medrossiprogesterone acetato e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per lenire il dolore.

Se ciò non è sufficiente, si può prendere in considerazione l’embolizzazione o la scleroterapia.1 Lo scopo di queste due procedure è quello di bloccare il flusso di sangue alle varici pelviche, impedendone così l’accumulo. Quando il sangue non può più scorrere nelle vene varicose della pelvi, il dolore di solito diminuisce.

Ma, prima di arrivare a tanto, sarebbe preferibile agire sulle cause del problema.

Il colpevole? L’insufficienza venosa

La circolazione del sangue è un lavoro di squadra. Il cuore pompa il sangue che poi circola attraverso le arterie e le vene, le cui pareti elastiche permettono di contrarsi o dilatarsi per regolarne il flusso. Le vene sono inoltre dotate di valvole di “non ritorno” che impediscono al sangue di tornare indietro nella direzione opposta. È soprattutto grazie a questo dispositivo che il sangue può tornare al cuore: se le vene perdono la loro elasticità o se le valvole diventano meno efficaci, non funziona più niente!
Il ritorno venoso è assicurato anche dai nostri muscoli che, con le loro ripetute contrazioni e rilassamenti, esercitano una pressione sulle pareti delle vene, spingendo il sangue verso l’alto.
Infine, il diaframma, muscolo essenziale per la respirazione, agisce come una pompa nell’addome: ogni volta che inspiriamo si abbassa e ogni volta che espiriamo si alza, drenando i liquidi corporei dal bacino verso il cuore.

Se questo sistema è ostruito o perde di efficacia, il sangue ha difficoltà a circolare, ristagna e si accumula nelle vene degli arti inferiori, quelle delle gambe, ovviamente, ma anche quelle della regione pelvica, in particolare quelle delle ovaie o dell’utero. Questo accumulo provoca la dilatazione e la deformazione delle vene, portando infine alla formazione di vene varicose.

La domanda da porsi è perché ciò avvenga esattamente: quali sono i fattori che ostacolano un buon ritorno venoso?

La vita moderna e il ritorno venoso non sempre vanno d’accordo

Molti fattori possono influire negativamente sul ritorno venoso. Uno stile di vita sedentario è probabilmente il nostro peggior nemico, in primo luogo perché la posizione seduta prolungata comprime le vene delle gambe e della zona pelvica e, in secondo luogo, perché senza attività muscolare il sangue ha un motivo in più per ristagnare negli arti inferiori.
La pressione sulle pareti venose e sulle valvole di non ritorno aumenta a tal punto che, a lungo andare, si distendono e perdono la loro efficacia. In particolar modo se, oltre a questo, l’attività fisica è insufficiente, la respirazione non è sufficientemente sollecitata e non si beneficia dell’azione del diaframma sul ritorno venoso.

Quindi, sia come misura preventiva che curativa, l’attività fisica è il modo migliore per migliorare la circolazione sanguigna!

Camminare per trenta minuti al giorno è sufficiente, e se lavorate seduti, alzatevi ogni ora e fate qualche passo.
Meglio ancora, ecco due esercizi semplici e veloci ma incredibilmente efficaci per migliorare la circolazione, da fare una o due volte al giorno:

  1. Con le gambe alla larghezza delle spalle, alzarsi sulla pianta dei piedi e tornare giù senza appoggiare il tallone a terra: due serie di 30 ripetizioni. Per aiutarvi a mantenere l’equilibrio, appoggiate le mani sullo schienale di una sedia di fronte a voi. In questo modo si attiva la circolazione nei polpacci.
  2. Fare degli squat: con le gambe alla larghezza delle spalle, piegare le ginocchia come per sedersi su una sedia immaginaria, poi tornate alla posizione di partenza. Fare due serie da 15 ripetizioni. In questo caso si attiva la circolazione nelle cosce e nel bacino.

Altri fattori importanti per la sindrome da congestione pelvica

Anche indossare abiti troppo attillati, essere in sovrappeso o soffrire di stitichezza sono ostacoli per una buona circolazione sanguigna. Senza dimenticare una  respirazione scorretta. Certo, nella maggior parte dei casi si tratta di un atto del tutto inconsapevole ed è raro che si facciano “respiri completi” e ampi grazie ai quali il diaframma è sufficientemente sollecitato.

Infine, con il tempo, le pareti venose invecchiano e perdono elasticità.

Come prevenzione, o se pensate di soffrire di insufficienza venosa, in primis fate sport, perdete peso se necessario, prendetevi il tempo per respirare, scegliete abiti morbidi e comodi e consumate cibi ricchi di antiossidanti, che proteggeranno le pareti venose dall’attacco dei radicali liberi e quindi dall’invecchiamento.

I motivi per cui le donne sono più colpite

La gravidanza favorisce la comparsa di varici pelviche, che si aggraveranno con eventuali gravidanze successive, a causa della pressione esercitata dal bambino sulle vene inferiori e l’esplosione ormonale caratteristica di questo periodo.

Gli ormoni sessuali femminili, estrogeni e progesterone, hanno un effetto diretto sulle vene, le cui pareti contengono recettori per ciascuno di essi: gli estrogeni le rendono più permeabili, le dilatano e ne riducono il tono, provocando insufficienza venosa e vene varicose. È per questo motivo che le donne sono più colpite degli uomini dalla sindrome da congestione pelvica, poiché la zona è particolarmente impregnata di ormoni.

L’equilibrio ormonale deve quindi far parte della strategia naturale per combattere la congestione pelvica.

I 5 punti chiave per migliorare la sindrome da congestione pelvica

Come detto, a parte le problematiche fisiologiche derivanti magari da gravidanze multiple, è possibile intervenire per migliorare la situazione o, ancor meglio, per prevenirla in caso di predisposizione al reflusso venoso pelvico. Le piante, come sempre, possono esserci di grande aiuto: vediamo come.

1. Tonificare il sistema venoso

Oltre ai consigli sullo stile di vita già citati, le piante venotoniche saranno le vostre migliori alleate.
Ricche di tannini, rassodano i tessuti e migliorano il tono e l’elasticità delle vene danneggiate. Inoltre, hanno un effetto vasocostrittore che favorisce il ritorno del sangue al cuore. Sono anche antiossidanti e proteggono le pareti delle vene dai radicali liberi.

L’ippocastano (Aesculus hippocastanum) è un must assoluto! Uno studio2 ha dimostrato che l’uso a lungo termine e a basso dosaggio di una tintura madre di ippocastano è efficace quanto l’uso di calze compressive! Assumere 10 gocce, 2 volte al giorno fuori dai pasti, per 21 giorni al mese, per 3 mesi.

La vite rossa (Vitis vinifera) poi è la compagna perfetta, soprattutto nei periodi di dolore intenso. Oltre a essere venotonica, riduce il dolore e la congestione.3

Ligne Ven BIO
Ligne Ven BIO

Scopri
5/ stars
L'ho usato per il caldo eccessivo e mi ha aiutato a sopportate meglio

Vite Rossa BIO
Vite Rossa BIO

Scopri
5/ stars
E' un sollievo per la circolazione delle gambe!

Queste piante sono sconsigliate alle donne in gravidanza o in allattamento e alle persone che assumono anticoagulanti e devono essere sospese una settimana prima di qualsiasi intervento chirurgico. L’ippocastano è controindicato in caso di insufficienza renale o cardiaca.

2. Aiutare il fegato

Il sangue purificato ovviamente scorre più liberamente e circola meglio. Il fegato svolge un ruolo essenziale nella circolazione sanguigna: partecipa alla qualità e alla viscosità del sangue, poiché è responsabile del suo filtraggio e dell’eliminazione dei prodotti di scarto.

Se il fegato è alterato o affaticato, può verificarsi una congestione che disturba la circolazione a questo livello. Ciò crea una resistenza, un ostacolo al buon ritorno venoso. Di conseguenza, questa congestione può estendersi alle pelvi.

Per prendersi cura del fegato, ad ogni cambio di stagione è bene fare una cura a base di piante epatiche,scegliendo una pianta rigenerante, come ad esempio il cardo mariano (Silybum marianum)4 e una disintossicante, come ad esempio il rafano nero (Raphanus sativus).5

Questo non solo renderà il fegato più efficiente, ma potrà anche alleviare la stitichezza.

Si consiglia di seguire un ciclo di trattamento di un mese.
Il cardo mariano è controindicato per le persone allergiche alle Asteraceae. Il ravanello nero è controindicato in caso di litiasi biliare.
Per evitare interazioni, queste piante devono essere assunte a distanza da qualsiasi farmaco.

Cardo Mariano BIO
Il Cardo mariano libera da scorie e tossine.
Favorisce le funzioni depurative, la funzione digestiva, la funzione epatica ed il metabolismo dei carboidrati. Antiossidante.
20 ampolle da 15 ml

Cardo Mariano BIO
5/stars
Molto buono

Rafano Nero BIO
Rafano Nero BIO

Scopri
5/ stars
Prodotto molto interessante che non conoscevo. Soddisfatta.

3. Fluidificare il sangue

La qualità e la fluidità del sangue dipendono anche dall’alimentazione, in particolare dal tipo di acidi grassi assunti.

Per favorire una buona circolazione sanguigna, è meglio evitare gli acidi grassi saturi (salumi, carni grasse, formaggi, fritture) e optare per gli omega-3, contenuti in oli vegetali come quello di colza o di noce e in piccoli pesci grassi come sardine, sgombri o aringhe. Non dimenticate l’aglio, crudo o cotto, che è un ottimo fluidificante del sangue.

4. Ripristinare l’equilibrio ormonale

Come già detto, l’eccesso di estrogeni contribuisce alla cattiva circolazione, soprattutto nella zona pelvica. Se siete ingrassate senza motivo e soffrite di ritenzione idrica, stanchezza e, nella seconda metà del ciclo, di una marcata sindrome premestruale,6 è possibile che vi troviate in una situazione di dominanza estrogenica, favorevole alle vene varicose pelviche.
È anche probabile che il dolore si intensifichi dall’ovulazione fino all’arrivo delle mestruazioni.

In questo caso, è fondamentale ripristinare l’equilibrio ormonale con piante luteotrope, cioè che stimolano la produzione di progesterone: l’achillea (Achillea millefolium)7 e l’alchemilla (Alchemilla vulgaris)8 sono ideali per questo scopo.

L’achillea favorisce inoltre la circolazione e il ritorno venoso, elimina gli ormoni in eccesso attraverso il fegato e decongestiona la zona pelvica. È anche antispasmodica e antinfiammatoria.

L’alchemilla è un eccellente tonico venoso!

Assumetele dal dodicesimo giorno del ciclo fino all’arrivo delle mestruazioni, per almeno 3 mesi. Queste piante sono controindicate nelle donne in gravidanza o in allattamento. L’achillea è controindicata con gli anticoagulanti e nelle persone allergiche alle Asteraceae.

Magnesio & Piante Luteotrope

Equilibrio fisico e mentale
Funzione muscolare, equilibrio elettrolitico
Attività circolatoria e ormonale

Magnesio B6+Achillea millefoglie+Angelica sinensis+Borse del pastore+Lamio bianco
5/stars
Una buona combinazione di elementi: il risultato si sente in fretta

Combattere l’infiammazione e il dolore

Infine, per alleviare il dolore pelvico, è necessario agire contro l’infiammazione, e il ribes nero (Ribes nigrum) è molto efficace in questo ambito.9 soprattutto perché ha un’azione antidolorifica. È controindicato in caso di ipertensione.

Ribes Nero BIO

Appartenente alla famiglia delle Sassifragacee, il Ribes Nero contiene nelle sue foglie, polifenoli, flavonoidi e tannini. Considerato un “cortisonico naturale” è indicato nelle allergie e nei dolori.
Attività circolatoria e ormonale

Ribes Nero BIO
5/stars
ULo uso anche come drenante: molto buono

A livello locale, utilizzare l’olio essenziale di citronella (Cymbopogon winterianus) che ha un’azione antinfiammatoria e decongestionante venosa. Per massaggiare il basso ventre, diluire 2 gocce di olio essenziale in 10 gocce di olio vegetale di calophylla, che ha proprietà circolatorie ed è un ottimo fluidificante del sangue. L’olio essenziale di citronella è controindicato per le donne in gravidanza o in allattamento ed è irritante per la pelle. Per questo motivo, va sempre diluito.

Note & Referenze

  1. Nel primo caso, i vasi sanguigni interessati vengono bloccati; nel secondo, viene iniettata una sostanza irritante con l’obiettivo di distruggerli creando un’infiammazione nelle loro pareti.
  2. YDiehm C., Trampisch H. J., Lange S., Schmidt C.n Comparison of leg compression stocking and oral horse-chestnut seed extract therapy in patients with chronic venous insufficiency, Lancet, 1996, 347, 292-294.
  3. Rabe E., Stücker M., Esperester A., Schäfer E., Ottillinger B., Efficacy and tolerability of a red-vine-leaf extract in patients suffering from chronic venous insufficiency results of a double-blind placebo-controlled study, Eur J Vasc Endovasc Surg, avril 2011, 41(4):540-7. doi: 10.1016/j.ejvs.2010.12.003.
  4. Abenavoli L., Izzo A. A., Milić N., Cicala C., Santini A., Capasso R., Milk thistle (Silybum marianum) : A concise overview on its chemistry, pharmacological, and nutraceutical uses in liver diseases, Phytother Res, novembre 2018, 32(11), 2202-2213. doi: 10.1002/ptr.6171. Epub 2018 Aug 6. PMID: 30080294
  5. Hanlon P. R. et al., Aqueous extract from Spanish black radish (Raphanus sativus L.Var.niger) induces detoxification enzymes in the HepG2 human hepatoma cell line, J Agric Food Chem, 2007, 55, 6439-6446.
  6. Gonfiore e dolore al petto e al basso ventre, maggiore stanchezza, irritabilità, persino depressione, voglia di dolci, variazioni di peso.
  7. Ali S.I., Gopalakrishnan B., Venkatesalu V., Pharmacognosy, phytochemistry and pharmacological properties of Achille millefolium L. : A review, Phytother Res, août 2017, 31(8), 1140-1161. doi: 10.1002/ptr.5840. Epub 2017 Jun 15. PMID: 28618131
  8. Jonadet M. et al., Flavonoids extracted from Ribes nigrum L. and Alchemilla vulgaris L.: 1. In vitro inhibitory activities on elastase, trypsin and chymotrypsin. 2. Angioprotective activities compared in vivo], J Pharmacol, 1986, 17 (1), 21-7.
  9. Mongold J. J. et al., Antiinflammatory activity of Ribes nigrum leaf extracts in rats, Plantes Med Phytother, 1993, 109-116.

Lascia un commento