Problemi di pelle? E se fosse una questione di oligoelementi?

La pelle, specchio e barriera

La pelle è sia una barriera che uno specchio: è la barriera naturale del corpo nei confronti del mondo che ci circonda ed è lo specchio della nostra salute e delle nostre emozioni.

Riflette anche il modo in cui gli altri ci guardano.
In effetti, la nostra pelle è spesso la prima cosa che mostriamo loro, ed è forse per questo che i problemi della pelle possono talvolta trasformarsi in un vero e proprio calvario… soprattutto quando non li trattiamo!

Avete provato creme, trattamenti, forse anche piante, ma i risultati non arrivano? E se la soluzione fosse altrove?
In un “dettaglio”, magari così “piccolo” che la maggior parte dei terapeuti, a torto, vi attribuisce ben poca importanza?

Quando un granello di sabbia può fare la differenza

Oligoelementi, oligotracce: sono presenti in piccole quantità nell’organismo è vero, ma sono di fondamentale importanza!
Potremmo anche andare oltre, e separare i macrominerali, che si trovano in concentrazioni da 1 g a pochi grammi per kg di peso corporeo, come il calcio (Ca), il magnesio (Mg), il potassio (K) e il cloro (Cl), da oligoelementi in concentrazioni ancora più basse, dell’ordine di 1 μg – 1 mg per kg di peso corporeo, come fluoro (F), rame (Cu), zinco (Zn), selenio (Se) e litio (Li).

Gli oligoelementi sono catalizzatori enzimatici che attivano il nostro metabolismo.
In altre parole, controllano l’equilibrio del nostro corpo e, poiché non siamo in grado di sintetizzarli, è fondamentale fornirli attraverso l’alimentazione o gli integratori.

Per quanto riguarda la pelle, sei oligoelementi svolgono un ruolo biologico riconosciuto: rame, manganese, selenio, silicio, zinco e litio.

Sono tutti necessari per la sua integrità ed elasticità e sono coinvolti sia nell’invecchiamento che nei processi patologici come l’infiammazione. Se associati ad altri trattamenti (allopatia, omeopatia, fitoterapia, ecc.), gli oligoelementi possono fare la differenza nel trattare le problematiche cutanee e nel prevenirle.

Oligotracce Rame
Oligotracce Cu

Oligotracce Rame
5/ stars
Buono e indicato per me

Oligotracce Manganese
Oligotracce Mn

Oligotracce Manganese
5/ stars
Ottimo preparato, lo assumo da 2 mesi

Oligotracce Selenio
Oligotracce Li

Oligotracce Selenio
5/ stars
Il miglio selenio mai assunto

Kotor Silicio Organico
Kotor Silicio organico preserva e rivitalizza la struttura ossea.

Kotor Silicio Organico
5/ stars
I dolori sono praticamente un ricordo e mi sento molto più energica e meno stanca. Ho notato che unghie e capelli sono cresciuti molto di più e sono molto più spessi e forti. Alla fine del 2 mese sto benissimo e mi sento in forma. Insomma tutto +++++. Continuerò a prenderlo perché sento che mi fa sta stare molto bene. Grazie Lucia e Naturelab.

Oligotracce Zinco
Oligotracce Zn

Oligotracce Zinco
5/ stars
Mi è piaciuto: mi ha aiutato

Oligotracce Litio
Oligotracce Li

Oligotracce Litio
5/ stars
Una traccia di supporto per il mio equilibrio

Un numero crescente di studi clinici dimostra l’efficacia dello zinco orale nell’acne infiammatoria moderata e dei sali di litio nella dermatite seborroica del viso e del cuoio capelluto ma,  prima di soffermarci su queste due dermatosi, affrontiamo un un problema più ampio che riguarda tutti noi: il sole.

Il problema dell’esposizione solare

Uno dei meccanismi più frequentemente proposti per spiegare, almeno in parte, l’invecchiamento cutaneo (e persino il rischio di cancro) è l’esposizione al sole.

Quando i raggi ultravioletti penetrano nella pelle, possono alterare le varie strutture dell’epidermide e del derma, come i cheratinociti, i melanociti, le cellule di Langerhans, il cemento intercellulare, il collagene e l’elastina.
Gli UVB agiscono direttamente sui cheratinociti creando sostanze infiammatorie e possono persino modificare i filamenti di DNA, rendendoli sempre più difficili da riparare. Nel tempo, le cellule degenerano o invecchiano più rapidamente.

In altre parole, l’esposizione prolungata al sole porta a situazioni di stress ossidativo, in cui molecole altamente aggressive alterano l’integrità della pelle e delle sue cellule, provocando un invecchiamento precoce.

La buona notizia è che gli oligoelementi non solo migliorano l’elasticità della pelle, ma la aiutano anche a cicatrizzare!

Gli oligoelementi per la riparazione cellulare

  1. Il rame è, per tre ottimi motivi, essenziale per la pelle:
    • partecipa all’integrità della pelle (in particolare a quella del collagene);
    • alimenti i suoi sistemi di protezione, le SOD o superossido dismutasi (enzimi che controllano gli ioni superossidi nocivi fautori dei radicali liberi);
    • e svolge inoltre un ruolo attivo sulla tirosinasi, un enzima che permette la sintesi dei precursori della melanina, che svolgono un ruolo decisivo nella fotoprotezione.
  2. Lo zinco è il “riparatore” per eccellenza. Tradizionalmente utilizzato per le sue proprietà cicatrizzanti, molto prima che fossero note le sue proprietà biologiche (il suo coinvolgimento nella sintesi delle proteine e in particolare del collagene è essenziale per mantenere l’integrità della pelle), lo zinco è senza dubbio un grande alleato dell’epidermide.
    Numerosi studi hanno evidenziato il suo ruolo nella modulazione dell’infiammazione, in particolare nella pelle, e il suo potenziale nel processo di guarigione.
  3. Il silicio è un importante oligoelemento fornito in linea di massima dalla dieta. Le numerose prove accumulate negli ultimi trentacinque anni suggeriscono che svolge un ruolo importante:
    • Nella formazione delle ossa:contribuisce al metabolismo del magnesio e del calcio, riducendo il loro antagonismo e migliorando la loro sinergia, in particolare nella calcificazione ossea.
    • Nel metabolismo del tessuto connettivo: a differenza di altri oligoelementi, il silicio è un agente strutturale dei tessuti di sostegno costituiti da collagene e proteoglicani: tessuto connettivo, pareti vascolari, strutture ossee… e soprattutto la pelle!
    • Per la salute della pelle e del sistema cardiovascolare: il silicio regola la sintesi del collagene, dei GAG (glicosaminoglicani) e dell’elastina. Contribuisce quindi a mantenere l’elasticità della pelle, dei vasi sanguigni, dei tendini, ecc.
  4. Il selenio è un protettore contro i danni del sole. Stimola il sistema di difesa antiossidante. È essenziale per il funzionamento delle glutatione perossidasi, gli enzimi che preservano le membrane e quindi l’integrità delle nostre cellule. La glutatione perossidasi, un enzima seleno-dipendente, limita gli effetti nocivi dello stress ossidativo legato a un eccesso di radicali liberi, soprattutto in caso di esposizione prolungata al sole.

Dall’animale all’uomo

Lo studio di Calomme del 19971 ha dimostrato che, negli animali, un aumento del 4,9% dell’apporto di silicio sotto forma di acido ortosilicico stabilizzato ha determinato, dopo 23 settimane di integrazione, un aumento del 70% della concentrazione di silicio nel siero e un aumento significativo della concentrazione di collagene nel derma.
Questa correlazione è stata riscontrata anche nella cartilagine.

Un altro studio mostra che la carenza di silicio altera la qualità della pelle (elasticità e capacità di cicatrizzazione).2

Infine, nel 2005, Barel e Calomme sono riusciti a dimostrare che l’integrazione di silicio in donne di età compresa tra i 40 e i 65 anni rallenta la comparsa delle rughe e può addirittura ridurle.10

È tutta questione di dosi

Uno studio ha sottoposto i fibroblasti cutanei umani ai raggi UVB, sia in un terreno neutro sia in un terreno arricchito di selenio. Le cellule nel mezzo arricchito di selenio sono riuscite a sopravvivere più a lungo.
Un altro studio in doppio cieco, condotto su 16 persone sane, ha valutato i benefici del selenio nella prevenzione dei danni fotoindotti. I soggetti hanno ricevuto 200 μg/d di selenio. L’irradiazione è stata effettuata prima del trattamento e tre settimane dopo, dimostrando che il selenio previene i danni.

D’altra parte, quando la pelle viene esposta in modo eccessivo (più di 1,30 MED – minima dose eritematosa), il selenio perde il suo effetto protettivo.
Inoltre, bisogna fare attenzione se si assumono più integratori alimentari contenenti selenio: c’è il rischio di sovradosaggio oltre i 200 μg/die per tutti i trattamenti combinati.

Per questo motivo, il selenio deve essere sempre assunto con il consenso del medico. Sia nel problema che nella soluzione, la dose è importante!

Protocollo oligo esposizione solare

Che sia al mare o in montagna, l’assunzione quotidiana di selenio alla dose terapeutica di 100 μg / giorno per un mese prepara l’organismo all’esposizione al sole; e l’effetto si mantiene per circa 30 giorni dopo la sospensione.

Per lo zinco si consigliano dosi giornaliere di 15 mg, dal lunedì al venerdì, da assumere preferibilmente la sera al momento di coricarsi, per due mesi.

È possibile aggiungere del silicio per mantenere l’elasticità della pelle: 30 ml di acido ortosilicico al mattino a digiuno durante l’esposizione al sole e un mese dopo.

Da notare che esiste anche un complesso di  zinco-selenio, utile prima e durante l’esposizione al sole, da assumere tutte le mattine, 5 giorni su 7.

Delta Sele-Zinc

Combatte l’invecchiamento, contrasta la fragilità immunitaria batterica e virale, combatte le dermatosi.

Delta Sele-Zinc
5/stars
Perfetto per tirarsi su in convalescenza e.. non ricaderci.

A questo si può aggiungere anche il rame, interessante soprattutto per chi ha la pelle chiara e ha difficoltà ad abbronzarsi: stimola la melanogenesi e accelera l’abbronzatura. Ma deve essere usato solo per un breve periodo.

Naturalmente, l’assunzione di oligoelementi non impedisce di usare la protezione solare e di evitare le attività ad alto rischio: è la sinergia di tutte queste buone pratiche che impedirà il più possibile alla pelle di invecchiare a causa dell’esposizione al sole e la proteggerà dal rischio di cancro indotto.

E il manganese in tutto questo?

Sebbene faccia parte della superossido dismutasi, come il rame e lo zinco, viene prescritto soprattutto in caso di allergia. Ciò avviene soprattutto in estate, con le allergie al sole.

Si assume per via orale, 1 fiala al giorno, 5 giorni su 7, diluita in un po’ d’acqua fino al miglioramento della condizione.

Oligoelementi per l’acne

L’acne è una malattia cronica delle ghiandole che secernono sebo alle radici pilifere.
Si manifesta più spesso nell’adolescenza, ma può manifestarsi anche nei neonati, di solito a causa del passaggio degli ormoni materni al momento della nascita. I bambini soffrono di acne infantile, gli adolescenti di acne prepuberale (prima della pubertà) e di acne puberale o giovanile (durante la pubertà).

L’acne è legato a un’ipersecrezione di sebo, ma anche ad anomalie nella cheratinizzazione, che ostruisce il canale escretore e forma i comedoni, i famosi e vergognosi punti neri!
L’acne è quindi associata alla pelle grassa e, questo è parte del problema: l’iperseborrea non è altro che una produzione eccessiva di olio da parte delle ghiandole.

Ma l’acne dipende anche da fattori familiari, ormonali (per l’azione degli androgeni,ormoni maschili secreti da uomini e donne in proporzioni diverse) e psicologici, oltre che da cattive abitudini di vita come l’uso di cosmetici troppo grassi e persino dall’inquinamento, che possono contribuire alla sua comparsa.

Esiste anche un’acne causato da farmaci (o acne indotto), come alcuni estroprogestinici (la pillola), corticosteroidi, antiepilettici, androgeni, litio prescritto ad alte dosi per i disturbi bipolari, ecc.

Soprattutto, l’acne può diventare un problema ancora più grave quando si armeggia con i brufoli con dita più o meno pulite! Nei brufoli possono svilupparsi batteri (soprattutto nel sebo).

Esistono forme di acne ancora più gravi, con ascessi, fistole, macchie incavate o rialzate, che durano più a lungo e colpiscono soprattutto gli uomini, e che devono essere trattate rapidamente perché rappresentano un grosso handicap sociale.
Spesso è necessario un trattamento più esteso ed è indispensabile rivolgersi a un dermatologo.

Lo zinco soprattutto, ma non solo…

I benefici dello zinco sono più evidenti nella fase di innesco dell’acne infiammatoria. Da un lato, impedisce la proliferazione del batterio Cutibacterium acnes e, dall’altro, agisce a livello della reazione infiammatoria riducendo la reazione immunitaria provocata da alcuni globuli bianchi.
Modula le citochine coinvolte nell’infiammazione e stimola la superossido dismutasi, che agisce sui radicali liberi.

Per questo motivo si raccomanda fin dall’inizio una dose di 30 mg/d (2 fiale) per 2 settimane, poi 15 mg/d (1 fiala) fino al miglioramento.

Se ci si sente stressati dall’acne, si può associare allo zinco 2 fiale di litio diluite in un po’ d’acqua, la sera al momento di coricarsi.

L’arma migliore contro la dermatite seborroica

Chiazze rosse, squame biancastre o giallastre, prurito talvolta accompagnato da una sensazione di bruciore sul cuoio capelluto…
Tanto antiestetica quanto comune, la dermatite seborroica colpisce quasi il 3% degli europei, soprattutto uomini, con un picco tra i 18 e i 40 anni, e può avere un impatto sulla qualità della vita.

L’origine della malattia è poco conosciuta, ma i dermatologi ritengono che sia coinvolta la proliferazione di lieviti, la Malassezia furfur. In ogni caso, si tratta di una malattia infiammatoria frequente delle aree cutanee con un gran numero di ghiandole sebacee, in particolare sul viso e sul cuoio capelluto.

La dermatite seborroica può manifestarsi nella prima infanzia, ma anche in età avanzata; non è contagiosa, ma è spesso ereditaria. La frequenza dei sintomi è aggravata dal freddo o dal caldo, dallo stress, dall’eccessiva sudorazione, dalla scarsa igiene, dall’eccesso di peso, dall’HIV, dall’alcolismo, dal fumo… Sono tutti fattori che cercheremo di contrastare, nella misura del possibile.

Oltre all’uso di uno shampoo molto delicato, il trattamento è spesso costituito da agenti antimicotici, talvolta associati a corticosteroidi.

In oligoterapia, l’applicazione del gluconato di litio topico combinato con lo zinco orale è pienamente giustificata. I dati in vitro dimostrano che il gluconato di litio applicato sulla pelle ha un’azione antimicotica e antinfiammatoria particolarmente efficace.

Quindi, con l’accordo del dermatologo e in associazione al trattamento consigliato, può essere una buona idea, dopo aver deterso e asciugato la pelle, applicare due volte al giorno il gluconato di litio (su prescrizione medica) in uno strato sottile sulle lesioni, fino al loro miglioramento.
Assumere poi 2 fiale di zinco diluite in poca acqua per via orale la sera per 1 mese, per favorire la guarigione della pelle.

Ancora una volta, da soli o in combinazione con trattamenti allopatici, fitoterapici, aromaterapici o omeopatici, possiamo constatare quanto gli oligoelementi possano essere essenziali, non solo per la loro efficacia, ma anche per la loro sicurezza.

La formazione degli operatori del settore è certamente necessaria e speriamo che si sviluppi sempre di più, in modo che il maggior numero possibile di persone possa finalmente trarne beneficio.

Diabete in cucina

Da non confondere

Il litio, un oligoelemento assunto per via orale, è raccomandato per i lievi disturbi del sonno negli adulti e nei bambini di età superiore ai 6 anni, e non deve essere associato al litio gluconato applicato sulla pelle in caso di dermatite seborroica!

Bibliografia

  1. Calomme M. R. et al., Supplementation of calves with stabilized orthosilicic acid, Biological Trace Element Research, 1997, 56, 153-165.
  2. Carlisle E. M., In vivo requirement for silicon in articular cartilage and connective tissue in the chick, Journal of Nutrition, 1976, 106, 478-484.
  3. Barel A., Calomme M. R. et al., Effect of oral intake of choline-stabilizer orthosilicic acid on skin, nails and haïr in women with photodamaged skin, Archives of Dermatological Research, 2005 oct ; 297(4) : 147-53.

Lascia un commento