Sei in: Home | Lachnantes tinctoria: S.O.S. cervicali

Lachnantes tinctoria: S.O.S. cervicali

26 gennaio 2016

Il collo è bloccato, la testa è ‘incollata’ alla spalla? Lachnantes, una pianta americana, è l’alleato ideale per alleviare il torcicollo e rilassare le cervicali.

La Lachnantes tinctoria è un narciso rosso (detta anche radice rossa), pianta originaria del Nord America della famiglia delle Haemodoraceae. Il rimedio omeopatico viene preparato a partire dalla radice, che ha proprietà coloranti. Viene chiamata anche “Tè del Jersey”.
È una pianta fototossica, in particolare per i suini che se ne cibano: il risultato per i poveri maiali è una colorazione rossa delle ossa e il distacco degli zoccoli. Occupa spesso un biotopo paludoso, come nel sud-est degli Stati Uniti. Per gli esseri umani non presenta nessuna tossicità vera e propria, ma piuttosto delle proprietà che si manifestano soprattutto nel suo impiego omeopatico.

Lachnanthes è il medicinale omeopatico per il torcicollo e, più in generale, per tutto ciò che distorce, stringe, contrae, pesa, fa soffrire il nostro collo: la regione dei muscoli cervicali è quindi la sua zona d’azione prediletta.

Il preparato agisce sia sui torcicollo acuti che sulle contratture e dolori cervicali cronici favoriti dall’artrosi. In alcune persone, un’angina o un semplice mal di gola possono precedere il torcicollo o la contrattura cervicale, come se il “raffreddamento” provenisse da una morsa stretta intorno al collo, alla gola, alla nuca. Questi sintomi confermerebbero gli attuali sospetti sull’origine virale delle contratture dolorose del collo e delle fin troppo tristemente note nevralgie cervico-brachiali (la “sciatica” del braccio). Si nota infatti una recrudescenza di queste nevralgie e dei torcicolli con l’arrivo dell’umidità fredda in autunno: a lungo attribuite allo stress e all’artrosi, questi sintomi potrebbero invece essere legati a dei virus di passaggio. Il dolore ai muscoli si associa ad un’irritazione dei nervi, in particolare del nervo di Arnold che risale dal collo verso il cranio e che dà quelle sensazioni dolorose ad arco di cerchio, dalla regione cervicale fino alla sommità del cranio e che talvolta arrivano a coinvolgere la fronte o l’occhio.
I sintomi che possono essere curati con Lachnantes sono quindi anche tutte quelle sensazioni di ‘capelli dritti sopra la testa’ o di cuoio capelluto doloroso (tipo quando ci si pettina).
Molto spesso questi sintomi sono più importanti sul lato destro, con la sensazione che la testa sia ‘tirata’ di lato al sopraggiungere del minimo mal di gola.

Lachnantes si utilizzerà volentieri in diluizione 5CH nei casi acuti e in 9CH per quei dolori che si trascinano o che sono ricorrenti.

Lachnantes non è comunque l’unica droga per le tensioni della regione cervicale: in particolare l’Actea racemosa è un suo buon complemento. È facile sapere quando associare l’Actea racemosa alla Lachnantes:  quando si preme sulle piccole creste delle vertebre cervicali, si deve provare un dolore acuto.
Per le donne poi, un’altra caratteristica sarà riscontrare un peggiorando il primo giorno del ciclo.
In questo caso possiamo prendere Lachnantes 7CH 5 granuli 3 volte a settimana e Actea racemosa 9 CH una dose il diciottesimo giorno del ciclo e un’altra dose all’apparizione del flusso.

Lachnantes in pratica

  • Torcicollo che appare prima o durante un mal di gola: Lachnantes 9CH, 5 granuli ogni ora, distanziare con il miglioramento fino ad interrompere.
  • Dolori cervicali ricorrenti con mal di testa: Lachnantes 7 CH, una dose a settimana per due-tre mesi.
  • Nevralgia di Arnold che parte da un lato del collo e risale in arco di cerchio: Lachnantes 15CH, 5 granuli ogni ora, distanziare con il miglioramento fino ad interrompere.
  • Influenza o sindrome influenzale con nuca e schiena rigide, corpo freddo, sensazione di debolezza alle ginocchia e in tutto il corpo: Lachnantes 5 CH, 5 granuli ogni ora fino a miglioramento.

Scrivi un commento

NatureLab11:42