Sei in: Home | Il miglior antidolorifico naturale: le endorfine!

Il miglior antidolorifico naturale: le endorfine!

30 novembre 2016

Sai che tuo corpo è in grado di produrre sostanze antidolorifiche naturale altamente efficaci? Le endorfine.

Sono oppiacei naturali, in altre parole sostanze davvero simili all’oppio, prodotte dal cervello, che hanno un effetto comparabile a quello della morfina.

E c’è un modo semplice e naturale per aumentare il tuo livello di endorfine, così da ridurre i tuoi dolori: basta ridere e, meglio ancora, ridere in compagnia!

La risata è un esercizio fisico

Si pensa che il ridere sia un’emozione, che si produce in primo luogo nel cervello e sul volto, e che inizia con un sorriso sulle labbra.
In realtà la risata inizia con una violenta decompressione del diaframma, un grande muscolo tra lo stomaco e il petto. Questo comprime i polmoni e provoca una brutale espulsione d’aria.

L’aria che esce dal torace provoca una vibrazione incontrollata delle corde vocali. È così che emetti il famoso « Ha! », immediatamente seguito da una cascata di altri « Ha! Ho! Hi! », perché il tuo diaframma si contrae e si rilassa convulsamente, in una reazione a catena.

Se il riso è prolungato, ti svuota d’aria, e questo ha l’effetto di farti piegare in due dalle risate! Nei casi estremi, potresti arrivare a rotolarti a terra: il riso ti ha fatto perdere il controllo dei tuoi muscoli. E il tuo ventre, sotto tensione, diventa doloroso come se avessi fatto una lunga serie di addominali.

Vedrai che se ridi in modo incontrollato inizi a sudare: le tue vene e i muscoli del collo e del viso si contraggono come per un dolore intenso. E la confusione va talmente in crescendo che presto iniziano anche a sgorgare lacrime dai tuoi occhi, mentre continui con grandi « Ha, ho, hi », provocando prima la gioia e poi… l’ansia di chi ti circonda: « ma ridi o piangi ?!?! »

E la domanda in effetti è lecita, perché in quel momento un nonnulla può far deragliare la situazione, quando la pressione sulla vescica o (peggio) sull’intestino diventa incontrollabile…

Una cosa è certa: una persona non è più esattamente la stessa, dopo aver riso.
E questo perché il dolore e la tensione provocati da una risata hanno innescato, esattamente come in un atleta che compie uno sforzo violento, una grande produzione di endorfine.

E gli effetti sono:

  1. Ti senti felice, perché le endorfine ti portano ad uno stato di benessere. E, nota bene: è il fatto di aver riso che ti reso felice, più del motivo che ha provocato la risata.
  2. Se avevi dolore da qualche parte prima di ridere, noterai che la sensazione dolorosa è diminuita. Il fenomeno è stato osservato in laboratorio da un team dell’Università di Oxford, che ha pubblicato uno studio su questo tema nella rivista medica Proceedings of the Royal Society B (Proc. R. Soc. B 22 March 2012 vol. 279 no. 1731 1161-1167).
  3. Come l’oppio, le endorfine provocano una sensazione di pace interiore e di relax. Questo è il motivo per cui la risata favorisce il sonno.

Ridere in compagnia è più efficace

Che ridere in compagnia sia più piacevole pare evidente anche senza il parere degli scienziati di Oxford.
Ma dal loro studio emerge una cosa interessante.

Hai mai osservato la sensazione di felicità, quasi di esaltazione, che si prova nello svolgere un’attività fisica o manuale in gruppo?
Scavare una trincea, trasportare pietre, tagliare un albero, tirare una corda… Mentre il lavoro intellettuale in squadra è frustrante (c’è sempre qualcuno che finisce per fare anche quello degli altri), l’esercizio fisico in gruppo dà soddisfazione e fa nascere un inspiegabile sentimento di amicizia.

Allo stesso modo, fare sport in gruppo provoca una sensazione di gioia e di entusiasmo molto più forte di quando ci si allena da soli. Guarda i gruppi di joggers nei parchi pubblici che corrono fianco a fianco: spesso sembrano felici, si raccontano un sacco di cose che sembrano molto interessanti, mentre chi fa footing in solitario pare spesso malinconico, quando non addirittura sofferente.

Ciò si spiega con il fatto che si in compagnia si producono più facilmente endorfine.

È questo che ha misurato il Dottor Dunbar dell’Università di Oxford: in un esperimento condotto nel 2009 con la squadra di canottaggio di Oxford, si rese conto che gli atleti sopportavano meglio il dolore quando remavano in gruppo rispetto a quando compivano esattamente lo stesso sforzo ma singolarmente.

Il loro livello di endorfine saliva molto di più!

[Biol. Lett. 23 February 2010 vol. 6 no. 1 106-108 ]

Questo effetto “gruppo” è ancora più forte con il ridere, che è altamente contagioso: si hanno maggiori probabilità di arrivare alla risata a crepapelle se si è in compagnia.

Ma niente di tutto questo funziona se la risata è falsa o forzata: ridere per “cortesia” infatti non porta a quelle serie di ripetute e incontrollate espirazioni necessarie per innescare la produzione di endorfine, dixit il Dottor Dunbar.

Scrivi un commento

NatureLab15:38