Sei in: Home | Zanzare: perché pungono sempre a me?!?

Zanzare: perché pungono sempre a me?!?

7 luglio 2015

Sei uno di quei fortunati che le zanzare ignorano?

Se sì, non leggere questo post, dedicato ai disgraziati che si fanno massacrare per primi e concludono le belle serate estive con le caviglie divorate e doloranti; nonostante zampironi, citronella, apparecchi a ultrasuoni conditi da  spray/creme di ogni tipo.

Il problema di tutti questi metodi (di autodifesa), è che ignorano il principio fondamentale in qualsiasi strategia militare: conoscere il proprio nemico.
Per evitare di farvi pungere, dovete sapere perché le zanzare trovano alcuni così deliziosi ed altri… per niente.
(Ed è importante, l’evitare di essere punti: perché oltre al fastidio/dolore, le zanzare sono anche portatrici di parassiti e malattie virali.)

Ecco i criteri che fanno di voi i prescelti dalle zanzare.

1. Gruppo sanguigno

Le zanzare pungono perché si nutrono delle proteine del  sangue: il tipo di proteine dipende dal gruppo sanguigno. Se fate parte del gruppo 0, siete sfortunati: sono le proteine preferite dalle zanzare! Avete il doppio di possibilità di attirarle rispetto a qualcuno del gruppo A, perché la vostra pelle secerne un prodotto chimico che gli indica il vostro gruppo sanguigno. Vi conviene quindi portare abiti coprenti, anche se i vostri compagni di aperitivo in short non si fanno pungere.
Se fate parte del gruppo B, siete a un livello di rischio intermedio.

2. Diossido di carbonio

Le zanzare sentono le loro prede grazie al diossido di carbonio emesso con la respirazione. Sono in grado di individuare un grosso mammifero a più di cinquanta metri grazie a un piccolo organo chiamato palpo mascellare, un’appendice nel loro apparato boccale. Quindi: più respirate forte più emettete diossido di carbonio, e più attirate le zanzare.
Le persone che hanno una forte massa corporea o che fanno sforzi fisici devono quindi proteggersi più delle altre (è il motivo per cui, in generale, i bambini sono meno punti degli adulti).

3. Sport

Oltre al diossido di carbonio, le zanzare reperiscono le loro vittime anche grazie all’odore di acido lattico, di urea e di ammoniaca, sostanze emesse con la traspirazione. Le persone che si agitano, che hanno la febbre o che hanno naturalmente una temperatura del corpo elevata, attirano di più le zanzare.
Docce frequenti aiutano.

4. Birra

Farsi una birra attrae gli insetti: è stato provato e, anche se non è ben chiaro il perché (si presume che il fenomeno sia legato alla presenza di etanolo) è certo che dopo aver bevuto una birra le zanzare vi troveranno ancora più appetitosi.

5. Colore degli abiti

Pare banale, ma le zanzare non individuano le loro prede solo all’odore: hanno gli occhi e le vedono!
Se portate abiti che spiccano fortemente nell’ambiente (vestiti neri, blu scuro o rossi) vi troveranno più facilmente e verranno a posarsi su di voi: questo secondo l’entomologo James Day della University of Florida, una zona ben nota per le sue paludi infestate da zanzare.

6. Gravidanza

Diversi studi hanno dimostrato che le donne incinte attraggono il doppio di zanzare: producono infatti il 21% di biossido di carbonio in più del solito e la loro temperatura corporea è più alta di 0,75°C.

7. Batteri

Le zanzare amano le zone in cui vi sono molti batteri ma di poche specie: le caviglie e i piedi sono per loro particolarmente attraenti.
Anche qui, docce/pediluvi frequenti aiutano.

8. Resistenza

La dimensione della puntura di zanzara non dipende dal tempo che la zanzara ha passato a succhiarvi il sangue, ma dalla reazione del vostro sistema immunitario alla saliva che la zanzara introduce nella vostra pelle. Più sarete punti da una stessa specie, meno avrete reazioni.
Purtroppo, ci sono oltre 3.000 specie diverse nel mondo!

Ma, per concludere con una nota di speranza, sappiate che scienziati stanno lavorando sulle ragioni per cui una minoranza di persone non è mai o molto raramente vittima delle zanzare. A quanto pare  questi fortunati individui emettono composti chimici che agiscono come repellenti naturali.

Potrebbe presto essere formulato uno spray naturale ed efficace che eviterebbe alle donne in stato di gravidanza, con il sangue di gruppo O, che fanno sport e che indossano abiti scuri essere punte…

Nel frattempo, alcuni trucchi naturali per respingere l’invasore:

  • qualche goccia di olio essenziale di eucalipto citrato (Eucalyptus citriodora) o di geranio sulla pelle (se non ci si espone al sole);
  • inghiottire uno spicchio d’aglio al giorno o il succo d’aglio (anche spalmato sulla pelle) respinge le zanzare – ma l’odore potrebbe respingere anche i vostri compagni di vacanza;
  • un’integrazione di vitamina B1 associata alla vitamina B6, da assumere da maggio e per tutta l’estate (ne detestano l’odore nel sudore);
  • mangiare una “briciola” di asafoetida (Ferula assafetida, detta anche finocchio fetido, concime del diavolo o sterco del diavolo), una spezia delle Apiaceae originaria della Persia, che contiene un olio essenziale volatile che respinge le zanzare grazie all’odore che emanerà dalla vostra pelle, a loro decisamente non gradito.

Coraggio…

Scrivi un commento

NatureLab17:35