Sei in: Home | Unghie fragili: i risultati del silicio organico

Unghie fragili: i risultati del silicio organico

25 febbraio 2015

Uno dei problemi più frequenti (soprattutto per le donne) sono le unghie poco resistenti, che si spezzano facilmente, si sfaldano, appaiono striate o non crescono più, e danno alle mani un aspetto trascurato.

Perchè le nostre unghie sono fragili?

La durezza, la resistenza e l’elasticità dell’unghia sono garantite dalla presenza di cheratina, proteina costituita da lunghe catene di aminoacidi (tra cui spiccano cisteina, acido glutammico ed arginina), di oligoelementi come zinco, ferro, rame, e vitamine (vitamina A, vitamina B6, vitamina C e vitamina E): se queste sostanze non sono più sufficienti, le unghie ne risentono, e questo qualsiasi cosa si faccia (dal lavare i piatti e scrivere sulla tastiera di un computer).

Il problema dipende da diversi fattori:

  • un’alimentazione inadeguata: se non consumate vitamine A e B, ferro, proteine, zinco, calcio, le vostre unghie saranno rovinate e giallastre;
  • una decalcificazione: per carenza di calcio o per difficile assimilazione dello stesso;
  • alcune malattie: come l’anemia, le disfunzioni della tiroide, la cattiva circolazione e i reumatismi;
  • uno cattivo stato generale dell’organismo: indebolito, con basse difese immunitarie;
  • le aggressioni esterne: come una frequente esposizione a prodotti chimici (varichina, detergenti, disinfettanti) o un contatto prolungato con l’acqua (lavare i piatti, fare il bagno ai bambini, lavare le verdure).
Esistono poi dei nemici delle unghie di cui non sempre teniamo conto, e che possono essere responsabili della loro fragilità:

  • l’invecchiamento;
  • le dermatiti (come ad esempio la psoriasi);
  • una predisposizione genetica;
  • i frequenti sbalzi di temperatura;
  • l’onicofagia (il mangiarsi le unghie);
  • i raggi UV;
  • eccessive e aggressive manicure;
  • le micosi (come la Candida albicans)

Per contrastare il problema, potete fare dei cicli di Kotor Silicio Organico che favorirà la crescita e la rigenerazione delle unghie perché:

  • stimola il metabolismo del calcio e favorisce la formazione del collagene fortificando i tessuti connettivi;

  • previene l’invecchiamento delle cellule;

  • stimola il sistema immunitario e attenua gli stati infiammatori.

Kotor Silicio Organico
ACQUISTA ADESSO

Una testimonianza visiva del trattamento con Kotor Silicio Organico

La supplementazione con acido ortosilicico (42,60 mg/ giorno) produce effetti benefici sorprendenti per le unghie: la cura dovrà essere fatta per due mesi, 30 ml di silicio organico liquido al giorno al mattino, a digiuno.

Inizio del trattamento con Kotor Silicio Organico

Inizio del trattamento con Kotor Silicio Organico

Ecco lo stato delle unghie all’inizio del trattamento: la fragilizzazione è evidente.

Trattamento con silicio organico: giorno 15

15° giorno

Ecco le unghie dopo 15 giorni di trattamento: il miglioramento è già visibile.

Trattamento con silicio organico: giorno 30

30° giorno

Adesso sono più dure, non si piegano più, non si sfaldano, crescono (sono state limate due volte dall’ultima immagine).

Trattamento con silicio organico: giorno 45

45° giorno

Le unghie stanno recuperando un aspetto sano: solo due appaiono ancora leggermente sfaldate.

Alcuni consigli per evitare che le unghie si fragilizzino

Se volete evitare il problema, o se avete una predisposizione, eccovi alcuni consigli.

  • Lavate i piatti con i guanti e, se possibile, solo una volta al giorno: l’acqua calda e i prodotti chimici dei detergenti le rammolliscono e le rendono più vulnerabili. Usate dei guanti in lattex ma, sotto, mettete dei guanti leggeri in cotone.
  • Consumate più proteine: le unghie e i capelli sono “fatti” di proteine.
  • Consumate acidi grassi: uova, latte intero, legumi, burro, olio di lino.
  • Curatele subito: meglio tagliarle corte e risolvere il problema non appena si presenta per limitare i danni.
  • Fate attenzione alla manicure: non scrostate lo smalto, rovinate lo strato superiore delle vostre unghie; utilizzate l’acetone massimo una volta a settimana, evitare basi indurenti, unghie finte, gel (servono solo a nascondere il vero problema che non farà che aggravarsi).
  • Non usatele come “attrezzi”: le vostre unghie non sono un apriscatole e non servono per scollare etichette… si fragilizzano.
  • Non lasciatele troppo a lungo in acqua: bagno caldo di un’ora? non più di una volta a settimana, e attenzione al cloro in piscina.
  • Curatele una volta a settimana: esfoliatele mescolando sale e olio d’oliva, limatele sempre nella stessa direzione (dai lati verso il centro), lasciatele qualche minuto in acqua tiepida e applicate una crema idratante massaggiandole.
  • Utilizzate i rimedi naturali. I più noti sono miscele di; succo di limone e zucchero; o aceto di sidro e acqua tiepida; olio di ricino, miele e olio di germogli di grano; anice e acqua; papaya, albume d’uovo e olio di mandorle dolci. Applicate il rimedio sulle unghie, lasciate agire qualche minuto, sciacquate con acqua tiepida.

Scrivi un commento

NatureLab9:55