Sei in: Home | Scopri la tisana preferita di Bianca Castafiore

Scopri la tisana preferita di Bianca Castafiore

Un’affezione benigna non è, come suggerisce il nome, niente di grave. Può tuttavia essere piuttosto fastidiosa, come quando riguarda le corde vocali.

Difficile parlare quando si afoni: se temi di perdere la voce, ecco un rimedio naturale efficace per… poter anche cantare, nei cori natalizi e non!

Che cosa ci lascia senza parole?

La perdita della voce è spesso la conseguenza di una forzatura delle corde vocali. Compaiono piccole lesioni o semplicemente un’infiammazione, che influiscono sulla voce, al punto che gli interlocutori fanno fatica a capire le nostre parole.
Detto questo, l’afonia può verificarsi anche dopo un raffreddore, una laringite o una tracheite. In questi casi spesso si inizia con il soffrire di disfonia: la voce si altera, diventa rauca, fino al colpo di grazia… la perdita della voce.

Per ritrovare la voce, dovremmo lasciarla riposare per un periodo che idealmente sarebbe di almeno 48 ore. Ma purtroppo non sempre questo è possibile.
Le piante e le loro virtù possono allora esserci molto utili per calmare l’infiammazione, ammorbidendo le mucose e tonificando i tessuti: un po’ di dolcezza non guasta mai e, non c’è niente di meglio per ritrovare una voce di velluto!
Se il problema però persiste per più di una settimana, consulta il tuo medico, per verificare che non vi siano lesioni significative o patologie sottostanti.

Alle vostre infusioni!

Fare una miscela con le seguenti piante:

  • Erisimo, l’erba dei cantanti (pianta): 30 grammi,
  • Sambuco (fiori) : 30 grammi,
  • Rovo (foglie) : 15 grammi,
  • Menta (foglie) : 15 grammi,
  • Malva (fiori) : 15 grammi.

Preparazione

Mettere un cucchiaio abbondante di miscela in tre quarti di litro di acqua fredda. Mettere sul fuoco fino al bollore, poi spegnere e lasciare coperto per 6-8 minuti. Filtrare e bere 3 tazze di infusione al giorno, non troppo calda, e a piccoli sorsi.
Puoi addolcire con un po’ di miele.

[ Se preferisci ricorrere ad una sola pianta, opta per l’erisimo: da sola, in infusione, farà il suo effetto. Se poi preferisci qualcosa di più pratico, pensa all’estratto idroalcolico di pianta fresca: una ventina di gocce al giorno, prima dei pasti. ]

Piante & virtù

L’erisimo, l’erba dei cantanti (Sisymbrium officinalem) porta bene il suo nome! Questa è la pianta più adatta contro l’afonia. È miorilassante, vale a dire che rilassa i muscoli, compresi quelli della laringe da cui proviene la voce. Se necessario, calma anche la tosse.

Il sambuco (Sambucus nigra) apporta le sue proprietà antinfiammatorie grazie ai tannini e alle mucillagini che contiene.

Il rovo comune (Rubus fruticosus L.), dalle virtù cicatrizzanti, anch’esso contiene preziosi tannini per lenire l’infiammazione e tonificare il rivestimento della laringe.

La menta (Mentha piperita) rinfresca la gola, anestetizza leggermente e rilassa un po’ i muscoli della laringe.

La malva (Malva sylvestris) addolcisce rapidamente, per contatto, grazie alla mucillagine. Calma la tosse.

2017-03-12T22:28:23+00:00

Scrivi un commento

NatureLab11:16