Sei in: Home | Salvia: proprietà, riti e ricette

Salvia: proprietà, riti e ricette

Apprezzata fin dall’Antichità, Salvia ha così tante virtù che si è persino detto che possa rendere immortali.
È certo che le sue foglie aromatiche sono efficaci per molti problemi di salute: la reputazione di Salvia ormai è ben nota e consolidata.

Non per niente il suo nome – salvia – in latino significa “la pianta che salva la vita”! Gli antichi Egizi ne conoscevano gli effetti sul sistema ormonale femminile e, qualche secolo dopo, in Grecia Dioscoride la consigliava sempre per i disturbi femminili, ma anche per trattare le infezioni delle mucose.
All’inizio del IX secolo Carlo Magno ne impose la sua cultura.

Una pianta di riti e tradizioni

Viste le sue proprietà, è naturale trovare Salvia in molte preparazioni tradizionali come l’acqua di archibugio, l’acqua celeste o l’acqua imperiale.
Salvia era così popolare tra i cinesi che, all’inizio del XVII secolo, scambiarono una cassa di preziosissime foglie di tè con dei commercianti olandesi per tre casse di foglie di Salvia.
Allo stesso tempo, entrò nella composizione dell’aceto dei quattro ladri che, si supponeva, proteggesse dalla peste.
Luigi XIV, che visse fino ad un’età canonica per la sua epoca, beveva ogni mattina un decotto di Salvia.
Nel XVIII secolo, le virtù di Salvia erano usate dagli asmatici: le sue foglie venivano fumate, come il tabacco, per alleviare gli attacchi!

Padre della moderna idroterapia, anche padre Kneipp (1821-1897) apprezzava Salvia e fece questa raccomandazione: « Nessun che abbia un giardino dimenticherà di piantarvi una pianta di salvia…», che fa eco al detto provenzale: « Chi ha salvia nel suo giardino, non ha bisogno del medico. »“.

Salvia è stata storicamente associata a molti riti.
I Romani la raccoglievano a mano, vestiti di bianche toghe immacolate, a piedi nudi.
Tra i Celti, i druidi la raccoglievano anche a mani nude, o con un falcetto d’oro: MAI con un attrezzo di metallo ferroso. Tradizionalmente, era usata nei rituali di purificazione e, la “salvia dei rabdomanti”, Salvia divinorum dalle virtù allucinogene, era usata dagli sciamani messicani.

Salvia: la pianta delle donne

Ricca di molecole estrogeno-simili (gli ormoni femminili), Salvia può svolgere un ruolo di accompagnamento nel passaggio della menopausa, compensando in parte il declino ormonale che la caratterizza.
In particolare, riduce le vampate di calore e il sudore notturno, con un effetto moderatore sulle ghiandole sudoripare e un’eccessiva traspirazione.
Per lo stesso motivo, può essere utilizzata in caso di amenorrea per stimolare l’ovulazione.

Se è vero che questa pianta può aiutare a prepararsi al parto, durante la gravidanza dovrebbe essere limitata al solo uso culinario. Non è poi raccomandata per le donne che allattano, in quanto è anti-galattogena e per le donne con una storia di tumori ormono-dipendenti (a causa delle sue proprietà estrogeniche).

Le sue proprietà estrogeniche possono essere utilizzate anche “localmente”, nei casi di alopecia androgenica (cioè la perdita di capelli legati a squilibri ormonali: vedi la ricetta qui sotto).

Tonica, digestiva e antisettica

È meno noto ma, Salvia, è una pianta battericida e antivirale efficace.
Per il trattamento del raffreddore, l’infusione di tre foglie di salvia in un bicchiere di latte al miele gode di un’ottima reputazione.
Efficaci anche i gargarismi con il decotto in caso di mal di gola.
Per i disturbi digestivi (gonfiore, flatulenza, digestione lenta), bere regolarmente infusioni di Salvia ha un interessante effetto regolatore, grazie alla sua doppia proprietà di detergente ma anche di stimolante della produzione della bile.

Ricchissima di antiossidanti (alcuni dei quali in comune con il rosmarino, come l’acido rosmarinico e il carnosolo), la pianta ha un effetto tonificante e antiastenico generale.

I segreti dell’Erborista

Lozione fortificante per capelli

  • Lascia macerare 100 g di foglie di Salvia essiccate in 1 litro di vodka o rum per 10 giorni.
  • Massaggia il cuoio capelluto con questa lozione detergente che stimola la crescita dei capelli.

Bagno alla salvia

  • Metti 250 g di foglie o di steli fioriti di Salvia officinale in due litri d’acqua bollente.
  • Lascia bollire, copri e togli dal fuoco.
  • Lascia in infusione per 15 minuti, filtra e versa nell’acqua del bagno.

Il bagno di Salvia è tonificante, allevia i reumatismi e tratta i problemi di traspirazione oltre ad avere alcune virtù… birichine.
Ricorda poi che il bagno podalico di Salvia è noto per essere un primo rimedio d’emergenza in caso di infezione delle vie urinarie.

Antidiaforetico

Alcune foglie (fresche o secche) poste nelle scarpe sono molto utili per i piedi che soffrono di sudorazione pesante.

Lozione per pelli grasse

L’infusione di Salvia (una grande manciata per 250 ml d’acqua da lasciare in infusione un quarto d’ora) pulisce la pelle grassa.

Disinfettante

Si possono bruciare foglie secche di Salvia officinale o,meglio, di Salvia bianca (Salvia apiana, ancora più profumate) per purificare l’atmosfera di una stanza.

In cucina: piatti più digeribili

Le giovani foglie fresche di Salvia si usano tritate su insalate o verdure al vapore. Possono anche essere trasformate in ciambelle o cristallizzate con lo zucchero. La Salvia ananas (Salvia elegans) puoi spolverarla su tutti i dolci a base di frutta.

Le foglie secche, dall’aroma più marcato di quelle fresche, sono utilizzate per farciture e impasti. Aromatizzano oli, aceti e vino. Aggiungi qualche foglia a tutti i piatti ricchi: la digestione sarà più facile.

Ricca di vitamina K, Salvia sarà utilizzata con parsimonia in cucina da persone sottoposte a trattamento anticoagulante.

In giardino: dove, quando, come coltivare Salvia

Questa pianta perenne è molto facile da coltivare e può essere utilizzata sia come condimento che come pianta medicinale.
E, non trascurare il suo aspetto ornamentale: forma dei cespugli molto belli.

  • Dove – Salvia preferisce un terreno soleggiato, caldo, ricco o povero, sabbioso o pietroso ma, soprattutto, molto ben drenato, perché troppa acqua la fa marcire e morire. Annaffiala quando la pianti e sorvegliala finché non si rinvigorisce. Poi, per la Salvia officinale, l’acqua dal cielo è sufficiente.
    Ricorda che l’acqua e i fertilizzanti fanno sì che le piante medicinali perdano parte delle loro proprietà.
    Potrai piantare Salvia nel terreno o in vaso, vicina a rape e cavoli che protegge dalle pieridi (le farfalline); o vicino alle carote di cui maschera l’odore alle mosche. Ma fai attenzione alle innaffiature!
  • Quando – la semina avviene nel mese di marzo, al riparo. Salvia si riproduce anche per talee dei fusti giovani in primavera e per margotta durante l’estate.
  • Come – Salvia può raggiungere gli 80 cm di altezza. La potatura è consigliata per mantenerne l’aspetto cespuglioso ed è necessaria per i bordi di confine.
    La Salvia officinale è vivace e molto forte: resiste facilmente a -10° di temperatura e può vivere diversi anni. La Salvia moscatella (Salvia sclarea L), biennale, viene generalmente seminata (da sola) di anno in anno.

Scegli la tua varietà

Attualmente nel mondo sono coltivate quasi 700 varietà di Salvia: medicinali, aromatiche o semplicemente ornamentali.
La Salvia sclarea o moscatella (Salvia sclarea L., 1753), con proprietà simili a quelle della Salvia officinale veniva chiamata l’erba delle “piaghe”.

La più famosa è certo la Salvia officinale (Salvia officinalis L., 1753), specie con fogliame verde argento, che apprezza molto la compagnia di Salvia officinalis “Purpurescens” dal fogliame rosso scuro, così come di Salvia officinalis “Aurea”, bicolore verde fluorescente e giallo tenue, senza dimenticare Salvia officinalis “Tricolor”, con fogliame bianco verde e rosa (colori che variano durante le stagioni).
Il raggruppamento di questi superbi e utili “tre moschettieri”, può avvenire sia in un orto di aromatiche sia in un giardino ornamentale: insieme sono bellissime.

Prepara il tuo olio di macerazione solarizzato alla salvia

Solarizzare la macerazione oleosa di una pianta significa fornire alla macerazione tutta l’energia solare che può recepire e immagazzinare. Si tratta di una vera e propria “dinamizzazione”, che permette ai principi attivi della pianta di entrare nel cuore dell’olio vegetale e di imprimervisi per arrivare ad una sinergia olio/pianta molto potente sul piano della sua attività.

Proprietà dell’olio di macerazione Solarizzato Salvia

Astringente, antisettico, emostatico, antinfiammatorio, antisudorale, estrogeni-like.

Utilizzi

  1. La macerazione solarizzata di Salvia è antisettica e astringente per alleviare il mal di gola e purificare il cavo orale nei colluttori. Calma le afte della bocca.
  2. Per ustioni e ferite, lavate e disinfettate con la macerazione ne accelera la guarigione. Nelle compresse, su punture e morsi, l’applicazione calma il dolore e allevia il prurito.
  3. Con un massaggio leggero e delicato, ha un effetto antinfiammatorio sulle eruzioni solari.
  4. Nel massaggio del basso addome, effetto estrogeno-like per i periodi dolorosi e gli effetti sgradevoli della menopausa, come le vampate di calore.
  5. In un massaggio generale è tonicoa e riequilibrante del sistema nervoso.
  6. Frizionatoa sul cuoio capelluto, previene la caduta dei capelli e la forfora. Molto utile sui capelli grassi: li rende spendenti.

Come prepararlo

  • Metti Salvia in un vaso di vetro bianco trasparente. Non tagliare le piante, soprattutto i fiori: ciò provoca una perdita di energia.
  • Non compattare, in modo che tutta la vegetazione sia ben esposta e riceva la luce del sole. Riempi il vaso coprendolo con olio vegetale (olio di girasole + nocciola 20% + mandorla dolce 20%). Esponi il vaso alla luce del sole in modo che sia illuminato su tutti i lati durante il giorno. Esponi il vaso il più vicino possibile al luogo di raccolta, posizionandolo direttamente sul terreno per mantenere la comunicazione tra la pianta e le forze della terra.
  • Ruota il vaso di 180° ogni mattina, in modo che il sole sia uniforme durante l’esposizione.
  • Esponi per tre settimane, da domenica a sabato. Se durante l’operazione c’è la luna piena, copri il vaso con un panno nero. I raggi luminosi della luna che inviano luce riflessa rispetto al sole annullano una certa quantità di energia della pianta solarizzata e quindi eliminano alcuni dei benefici della solarizzazione.
  • Al termine dell’esposizione, la pianta e l’olio possono essere separati. La pianta può anche essere pressata per estrarne completamente i suoi principi attivi.
  • Conserva l’olio in bottiglia, preferibilmente in vetro scuro, al riparo dalla luce e a temperatura media tra i 16 e i 20°C.
2018-06-15T12:47:28+00:00

Scrivi un commento

NatureLab15:26