Sei in: Home | Problemi gastrointestinali? Pensa alla salcerella!

Problemi gastrointestinali? Pensa alla salcerella!

21 giugno 2016

La salcerella (Lythrum salicaria L., 1753) è un antidiarroico naturale.

Il suo potenziale sull’intestino è così importante che veniva utilizzata durante le epidemie di dissenteria.
Il suo soprannome? L’erba della coliche

La Lythrum salicaria o salcerella è una pianta erbacea perenne originaria dell’Europa e dell’Asia che produce folti ciuffi, alti 100-150 cm, costituiti da sottili fusti eretti, semilegnosi alla base, a sezione quadrata, di colore verde-bruno. Le sue foglie sono opposte, talvolta leggermente arrotolate, lanceolate e prive di picciolo. L’intera pianta è ricoperta da una sottile peluria rossastra.
Per tutta la stagione estiva sull’apice dei fusti si può notare una lunga spiga costituita da numerosi fiori rosa intenso, a 5-7 petali; in autunno produce numerose capsule semilegnose contenenti i semi. Mentre è molto diffusa in Europa come pianta ornamentale, in alcune zone del mondo viene considerata pianta infestante e ne è vietata la vendita (è stata inserita nell’elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo).

Per molti secoli sconosciuta

È solo verso il XVIII secolo che alcuni medici iniziano a vantare gli effetti della salcerella per curare la diarrea, e nel XIX vi si ricorre ampiamente, quando le epidemie di dissenteria colpiscono la Svizzera e la Francia. Molte persone all’epoca ne morivano, e la salcerella si rivela efficace per sradicare i sanguinamenti e le abbondanti diarree che caratterizzano questa malattia infettiva. Veniva somministrata in decotto concentrato o in polvere, ed era un’ottima alternativa alla ratania (Krameria lappacea), una radice astringente e antisettica importata dal Sud America, molto costosa e spesso irreperibile.
Il momento di gloria della salcerella però è stato breve: i farmaci a base di sostanze chimiche sono arrivati subito dopo e solo gli erboristi, talvolta, la consigliano ancora.

Benefici sottostimati

La salcerella è adatta per qualsiasi tipo di diarrea: che sia causata da un batterio o da un virus, come spesso è il caso per le gastroenteriti. Gli effetti antisettici e astringenti della salcerella agiscono rapidamente, e senza effetti collaterali.
Nel luglio del 2015, un gruppo di ricercatori ha denunciato come i suoi benefici siano ampiamente sottovalutati: uno studio ha infatti permesso di confermarela sua eccezionale efficacia nei casi di disturbi del transito intestinale. Sono giunti a questa conclusione analizzando tutti i dati statunitensi ed europei a disposizione, dall’uso tradizionale a quello della moderna ricerca scientifica, e incoraggiano i prescrittori ad utilizzarla più spesso, deplorando l’assenza di una letteratura più consistente che potrebbe convincerli a farlo.

[ Piwowarski, Granica, Kiss. Lythrum salicaria L. Underestimated medicinal plant from European traditional medicine. A review. J Ethnopharmacol. 2015 Jul 21;170:226-50. doi: 10.1016/j.jep.2015.05.017. Epub 2015 May 16.]

Come funziona

La salcerella contiene dei tannini particolari, gli ellagitannini C-glucoside, che “stringono le maglie” delle cellule del rivestimento intestinale. Questo permette di fermare i sanguinamenti se necessario, e anche di regolare l’eccesso di muco secreto dalle cellule dell’intestino solidificando così più facilmente le feci. Questi tannini hanno anche proprietà antisettiche e antivirali, utili in caso di gastroenterite o diarrea infettiva.
La pianta contiene inoltre mucillaggini, che ammorbidiscono la mucosa intestinale e trattengono l’acqua, contribuendo così all’effetto antidiarroico. Infine, i flavonoidi e le antocianine svolgono un utile ruolo antinfiammatorio per l’intestino.

Come si consuma

Possiamo assumere la salcerella nella classica infusione, dai 30 ai 60 grammi per litro d’acqua, facendo bollire per 2-3 minuti e lasciarndo in infusione per 20: da berne 3 tazze al giorno lontano dai pasti.
Come estratto idralcolico, dalle 30 alle 60 gocce 2-3 volte al giorno (per un adulto).
Se non si hanno miglioramenti in 2 giorni, rivolgersi a un medico.
Rispettate poi le banali regole di base in caso di diarrea: apportate un’adeguata idratazione e applicate un’igiene corretta (come ad esempio lavarsi le mani accuratamente).
Come precauzione, la salcerella non è raccomandata alle donne in gravidanza. Può essere data ai bambini a partire da 1 anno di età, ma è sempre meglio consultare un medico.

La salcerella non è una pianta magica ma è molto efficace: può sostituire vantaggiosamente i farmaci che di solito vengono prescritti e che possono avere spiacevoli effetti collaterali, come vertigini, nausea, dolore addominale, secchezza della bocca o sonnolenza.

Curiosità

Come molte altre piante, anche la salcerella ha una sua leggenda: anticamente in Francia i contadini la usavano come porta fortuna. Pensavano infatti che ornando gli ultimi carri di fieno della stagione con i fiori della salcerella, questa ne garantisse la perfetta conservazione durante tutto l’inverno.
Dioscoride ne consigliava l’impiego in pozioni per via rettale nella cura della dissenteria; applicata in pessari per moderare il flusso mestruale; istillata nelle narici per frenare le epistassi e applicata sulle ferite come emostatica e vulneraria.
Ledere la impiegò con successo er combattere un’epidemia dissenteriforme manifestatasi fra i soldati francesi di alcuni reparti durante la prima guerra mondiale [Ledere H., /. des Praticiens, 1915] e nel trattamento di una forma di enterite emorragica manifestatasi in alcuni soldati reduci della prigionia dopo la seconda guerra mondiale.
Attualmente viene utilizzata anche nella medicina veterinaria.

Scrivi un commento

NatureLab16:49