Perché la nostra immunità è a mezz’asta in inverno?

Immunità e stagione invernale

“Copriti che prendi freddo”, “Non è il momento di fare i furbi, ci sono molti germi in giro”.
Gastroenteriti, riniti, influenza… tutte le gioie del nostro inverno!

Così, “facciamo la cipolla” con strati di vestiti, ci laviamo le mani, rispettiamo i gesti di barriera e ci spruzziamo di gel idroalcolico, tutto nella speranza di evitare il contagio.
Ma niente funziona: in inverno il numero di infezioni raggiunge il picco massimo.1.

Ma Perché?
Perché i germi vengono a solleticarci soprattutto d’inverno e ci lasciano in pace d’estate?
Proviamo a spiegare la tradizione invernale del “naso che cola”.

Il sistema immunitario: il nostro scudo contro le aggressioni

Immunità” è il nome dato a tutti i meccanismi che l’organismo possiede e mette in atto per difendersi e, non appena entriamo in contatto con un cosiddetto agente patogeno (o infettivo), la macchina entra in azione.

In primo luogo, varie barriere fisiche come la pelle e le mucose, ci permettono di essere naturalmente protetti da possibili intrusioni patogene (o infettive). In breve, queste prime linee di difesa cercano di impedire agli intrusi di entrare nel nostro organismo ma, se queste barriere vengono superate, l’organismo mette in atto due altri tipi di risposta:2-3

  • la risposta immunitaria innata: in questa prima rapida reazione di difesa, le cellule immunitarie riconoscono immediatamente l’agente esterno e lo attaccano per eliminarlo;
  • la risposta immunitaria adattativa: più lenta, questa risposta è soprattutto più sofisticata perché è specifica per l’intruso. Richiede l’intervento di cellule immunitarie chiamate “linfociti” che hanno già incontrato l’agente patogeno e che sono, in un certo senso, addestrate a riconoscerlo e a distruggerlo.

Entrambi i tipi di risposta implicano una serie di meccanismi fisiologici che coinvolgono diverse cellule e proteine come anticorpi, interferoni, linfociti T e B, macrofagi…

Il leggendario “colpo di freddo”

Ci sono leggende che sono difficili da sfatare: una di queste è quella del “colpo ci freddo” che, come Babbo Natale, non esiste.
Non ci raffreddiamo davvero quando usciamo da una sessione di sport con i capelli bagnati o quando camminiamo a piedi nudi su un pavimento freddo: il freddo non è di per sé un vettore di trasmissione del virus.
Nelle nostre regioni, in inverno, l’aria è piuttosto secca4 e, quando la respiriamo, tende a seccare e ad alterare la mucosa nasale, una delle barriere dell’organismo,5 creando una prima falla nel nostro sistema di difesa e facilitando così l’ingresso dei virus.

Ma l’aria invernale abbassa anche la guardia del nostro sistema immunitario. Ad esempio, una bassa temperatura ambientale rallenta la produzione di interferoni in grado di prevenire lo sviluppo del virus;6-7 ecco perché – pur senza trasmettere direttamente i virus – l’aria fredda è responsabile dell’indebolimento delle nostre difese immunitarie.

Meno resistenti, siamo più facilmente infettabili e favoriamo la proliferazione di microbi che possono infettare altre persone “indebolite” dal freddo. Sapete come funziona…

Per chi poi preferisce il calore degli spazi interni, attenzione: il riscaldamento crea aria secca, più adatta ai virus, e ci rende meno propensi a ventilare, creando un ambiente favorevole alla circolazione dei germi.

Le abitudini invernali

Un altro fattore, non meno importante, influisce sulla nostra immunità: la nostra dieta! Sì, perché in inverno siamo più attratti da cibi caldi e ricchi (e consolatori) che da frutta e verdura. E meno frutta e verdura significa meno micronutrienti (vitamine, minerali e così via) necessari per le nostre difese immunitarie.8

A ciò si aggiunga poi una riduzione della nostra esposizione alla luce (dovuta al ridursi delle giornate): questa mancanza di sole (anche al sud) non aiuta la produzione di vitamina D, che svolge un ruolo importante nella risposta immunitaria e la cui carenza si ripercuote su tutte le nostre difese.9

Ancora una volta, l’alimentazione è centrale: per aiutare il nostro organismo a difendersi efficacemente in caso di infezione, dobbiamo evitare un deficit nell’apporto di micronutrienti.

Consigli per un inverno più sereno

Innanzitutto, mantenete un ambiente sano e temperato in casa: non è necessario riscaldare eccessivamente l’abitazione e, soprattutto, pensate a ventilare, anche se ciò significa vestirsi un po’ di più.

Assicuratevi inoltre di mantenere un apporto ottimale di micronutrienti e, se volete davvero approfittare delle tradizioni stagionali, la nutraceutica può aiutarvi!
Optate per un buon multivitaminico con tutti i micronutrienti essenziali e una buona vitamina D ad assimilazione ottimizzata.

Vitamina C + ZInco

Vitamina C + ZInco

Difese immunitarie, benessere dell'organismo

Vitamina C + ZInco
5/ stars
Molto completo e comodo da assumere.

D3 Vegetal Complex

D3 Vegetal Complex

Acquista!
5/ stars
Altissima qualità

I più convinti possono anche cercare soluzioni complementari che hanno dimostrato la loro validità sull’immunità, come la pappa reale e i probiotici.

Pappa Reale BIO

Pappa Reale BIO

Agisce da antibiotico naturale

Pappa Reale BIO
5/ stars
La uso da anni: ottimo rapporto qualità prezzo

Kotor Probiodiet
Pre + probiotici
Benessere ed equilibrio della flora intestinale. Adatto ai bambini (puoi aprire le capsule e mescolare il contenuto a una bevanda o a uno yogurt).

Kotor Probiodiet
5/ stars
Lo uso ogni due mesi: mi sento decisamente meglio. Buon prodotto, ottimo rapporto qualità/prezzo.

E, soprattutto: “COPRITE IL COLLO PRIMA DI USCIRE”!

Importante da ricordare

Da ricordare

In inverno l’aria fredda e secca e il riscaldamento eccessivo abbassano le nostre difese immunitarie.
Il consumo di frutta e verdura tende a diminuire con conseguente carenza di micronutrienti necessari per una buona immunità.
I nutraceutici possono aiutare a sostenere il sistema immunitario.

Referenze

  1. Price, R.H.M., Graham, C. & Ramalingam, S. Association between viral seasonality and meteorological factors. Sci Rep 9, 929 (2019). https://doi.org/10.1038/s41598-018-37481-y
  2. Yatim KM, Lakkis FG. A brief journey through the immune system. Clin J Am Soc Nephrol. 2015 Jul 7;10(7):1274-81. doi: 10.2215/CJN.10031014. Epub 2015 Apr 6. PMID: 25845377; PMCID: PMC4491295.
  3. Nicholson LB. The immune system. Essays Biochem. 2016 Oct 31;60(3):275-301. doi: 10.1042/EBC20160017. PMID: 27784777; PMCID: PMC5091071.
  4. Jeffrey Shaman, Virginia E. Pitzer, Cécile Viboud, and al. Absolute Humidity and the Seasonal Onset of Influenza in the Continental United States. PLOS Biology. February 23, 2010. doi : 10.1371/journal.pbio.1000316
  5. Anice C Lowen, Samira Mubareka, John Steel, and al. Influenza Virus Transmission Is Dependent on Relative Humidity and Temperature. Plos Pathogens. October 19, 2007. doi : 10.1371/journal.ppat.0030151
  6. Ellen F. Foxman, James A. Storer, Megan E. Fitzgerald. and al Temperature-dependent innate defense against the common cold virus limits viral replication at warm temperature in mouse airway cells. Proceedings of the National Academy of Sciences Jan 2015, 112 (3) 827-832; DOI: 10.1073/pnas.1411030112
  7. Eriko Kudo, Eric Song, Laura J. Yockey, Tasfia Rakib, and al .Low ambient humidity impairs barrier function and innate resistance against influenza infection. Proceedings of the National Academy of Sciences May 2019, 116 (22) 10905-10910; DOI: 10.1073/pnas.1902840116
  8. Ian A Myles. Fast food fever: reviewing the impacts of the Western diet on immunity. Myles Nutrition Journal 2014, 13:61
  9. Siddiqui M et al., Immune Modulatory Effects of Vitamin D on Viral Infections, Nutrients., 2020. 12 (9), 2879

Lascia un commento