Sei in: Home | E la tua cellulite avrà ciò che si merita!

E la tua cellulite avrà ciò che si merita!

La buccia d’arancia… un bene per un frutto ma un nemico temuto dalle donne (e anche dagli uomini)! Creme e massaggi sono utili per “ammorbidire” la cellulite, ma non sono sufficienti: la cellulite si deve eliminare anche dall’interno.

Drena… e sorridi

L’aspetto a buccia d’arancia della cellulite è legato ad una distribuzione diversa dei grassi rispetto a quella di altri tessuti adiposi.
Hai notato come le aree in cui è presente la cellulite siano fredde? La ragione è questa: siamo di fronte ad un fenomeno di “stasi”, cioè di cattiva circolazione, che provoca uno scarso drenaggio delle tossine, in particolare acide, creando una condizione infiammatoria.
È questo che cambia la struttura del collagene e, quindi, dei tessuti. E che dà quell’aspetto capitonato, con grande disappunto delle signore.
Per rimuovere queste asperità, la priorità è quindi quella di far “circolare” e decongestionare i tessuti.

I massaggi ad esempio, con l’aiuto di un olio essenziali circolatorio e disincrostante come il cipresso o l’eucalipto limonato, sono di grande aiuto.

Per via interna, ci impegneremo a stimolare l’eliminazione renale, funzione decisiva per fronteggiare l’infiammazione.

Bevi… elimina!

Ed eccoti una tisana drenante che mira a combattere la stagnazione e il sovraccarico.
Mescola in parti uguali le seguenti piante:

  • Finocchio marino (pianta),
  • Gramigna (radici),
  • Orthosiphon (foglie),
  • Olmaria (pianta),
  • Vite rossa (foglie),
  • Tarassaco (radici),

Preparazione

Considera un cucchiaio per tazza di acqua fredda. Scalda fino a ebollizione, togli dal fuoco e lascia in infusione per 10 minuti.
Bevine 2 tazze al giorno per 2 mesi.

Piante & virtù

Il finocchio di mare (Crithmum maritimum) è chiamato così perché cresce vicino al mare. È una pianta poco utilizzata per la cellulite e come aiuto nelle cure dimagrimenti, eppure è un eccellente tonico generale per la sua ricchezza di minerali, con un buon effetto scrub. Si utilizza più spesso come olio essenziale nei massaggi anti-cellulite, un buon complemento alla tisana.

La gramigna (Elytrigia repens) è un diuretico davvero efficace. Aiuta a rimuovere il sovraccarico di acidi che generano e mantengono l’infiammazione. La sua reputazione per la rimozione della cellulite è ben nota.

Anche l’orthosiphon (Orthosiphon stamineus) è un ottimo diuretico, utile nella lotta contro la ritenzione idrica, che beneficia anche delle sue proprietà antinfiammatorie.

L’olmaria (Filipendula ulmaria) interviene sulla funzione renale con un effetto diuretico e antinfiammatorio. Può aiutare ad alleviare il dolore che a volte interessa le zone colpite dalla cellulite.

La vite rossa (Vitis vinifera) favorisce la tonicità del ritorno venoso e la circolazione. Aiuta così a far circolare meglio i liquidi nei punti di stasi.

Il tarassaco (Taraxacum officinale) contiene potassio, che favorisce l’eliminazione renale. È anche un drenante dolce del fegato, aspetto favorevole per una depurazione generale.

Le alternative alla tisana

La tisana resta un ottimo mezzo per drenare i tessuti in profondità, ma se vuoi una preparazione più pratica, scegli gli estratti acquosi in fiale.
In questo caso, puoi mescolare almeno tre delle piante indicate per la tisana.

Noi ti consigliamo:

2017-10-11T10:20:37+00:00

Scrivi un commento

NatureLab11:59