Autunno: il momento per occuparsi del colon

Se la primavera è associata al fegato, in naturoparia l’autunno è la stagione del colon.

Nonostante le temperature degne di un mese di agosto, l’autunno sta arrivando. Le foglie iniziano a cadere, i porcini incantano le nostre papille gustative e le notti diventano sempre più fresche.

Per la naturopatia, l’autunno è un’importante stagione di transizione (come la primavera), durante la quale è importante preparare il nostro organismi ad affrontare la stagione fredda.
La caduta di energia invita delicatamente all’introspezione, al ritorno a casa: questo è un momento privilegiato, per fare un bilancio e riflettere.

Quando conosciamo l’influenza della salute intestinale sulle altre funzioni del nostro corpo (e gli igienisti naturopatici lo hanno ampiamente dimostrato), sarebbe un peccato non preoccuparsi del colon durante la stagione che più gli è favorevole.

Il colon è prezioso, certo, per la sua funzione di eliminazione, ma il suo ruolo è molto più complesso. Infatti, la sua flora batterica è strettamente legata alla nostra immunità.

Il colon, infatti:

  • completa il processo digestivo;
  • cura i residui di carboidrati e di proteine;
  • ha un ruolo nella sintesi di alcune vitamine del gruppo B e della vitamina K;
  • permette una buona assimilazione dei nutrienti;
  • regola il nostro transito intestinale.

Una flora intestinale equilibrata svolge una funzione di barriera naturale in grado di neutralizzare le sostanze tossiche e quindi di preservare il nostro ambiente interno dai loro effetti nocivi. Impedisce inoltre la formazione (e la proliferazione) di una flora patogena che favorisca lo sviluppo di candidosi, parassiti o altri batteri.

È quindi il colon ad essere responsabile dell’ecosistema globale del nostro organismo.

Non dimentichiamo poi come recenti ricerche abbiano evidenziato il ruolo fondamentale dell’intestino nella gestione delle nostre emozioni e nella prevenzione di molte malattie degenerative.

Tutti questi elementi contribuiscono alla nostra salute generale, ed è nel nostro interesse prenderci cura della nostra flora, che può essere perturbata da molti fattori (antibiotici – quelli che vengono ingeriti direttamente ma anche quelli consumati indirettamente attraverso l’ingestione di proteine animali, cibo industriale denaturato, stress, ecc.)

La cura naturopatica autunnale è organizzata in tre fasi, tutte ugualmente importanti:

  1. drenaggio,
  2. purificazione
  3. e la rinseminazione.

Il drenaggio

Il drenaggio può essere effettuato meccanicamente utilizzando clisteri e sedute di idroterapia, o con l’aiuto di piante o oligoelementi (magnesio), o anche una combinazione dei due. La scelta sarà fatta in base allo stato di salute del vostro intestino, al vostro specifico terreno e alla vostra sensibilità.

Questo primo passo elimina le tossine accumulate e le rilascia dall’intestino.

Oligoelementi in soluzione acquosa (Oligotracce Mg)
20 fiale da 2 ml per uso orale

Oligotracce Magnesio
5/stars
Ottima traccia di magnesio

La purificazione

La fase successiva, troppo spesso dimenticata, è la pulizia del colon, per la quale si consiglia l’estratto di semi di pompelmo (oppure anche l’argilla, la propoli o la clorofilla) per le loro proprietà purificanti e ossigenanti.

Estratto fluido di semi, polpa e scorze di Pompelmo BIO
Antiossidante, funzionalità del microcircolo e drenaggio dei liquidi corporei.
Azione anti-radicali liberi.
20 ampolle da 15 ml per uso orale

Estratto fluido di semi, polpa e scorze di Pompelmo BIO

La rinseminazione

Infine, il colon, dopo essere stato drenato e disinfettato, può essere riseminato. In altre parole, può essere dotato di nuovi nutrienti per promuovere una flora sana: verdure fermentate, polline, pre e probiotici.

Pre + probiotici
Benessere ed equilibrio della flora intestinale.

Kotor Probiodiet
5/stars
Lo uso ogni due mesi: mi sento decisamente meglio. Buon prodotto, ottimo rapporto qualità/prezzo.

Questi passi sono importanti, devono essere rispettati e combinati efficacemente per riequilibrare la nostra flora intestinale.

A livello fisico, questo trattamento manterrà e stimolerà la funzione immunitaria e vi proteggerà da episodi di sinusite, raffreddore, bronchite o semplicemente affaticamento.

Sul piano psicologico, questo trattamento previene depressioni e altri disturbi dell’umore o del sonno comuni in questa stagione.

Per garantire che questo trattamento di mantenimento sia il più benefico possibile, è consigliabile accompagnarlo con una dieta ipotossica, sana e leggera, cosa che vi darà l’opportunità di riformare alcune delle vostre abitudini alimentari, se necessario.

Sarebbe opportuno, per questa cura autunnale,  iniziare con una cura dell’uva,  drenante e purificante.

Lascia un commento