Sei in: Home | Anti-age Dermovitol, integratore alimentare naturale

Anti-age Dermovitol, integratore alimentare naturale

Una bella pelle è il segno esteriore di un buon stato di salute

Invecchiare bene senza bisturi è possibile? Ecco la doppia risposta anti-age di Dermovitol:

  • modifica beneficamente il profilo degli acidi grassi della pelle e la rende più resistente alle aggressioni esterne,
    grazie agli olii di onagra, di semi di ribes nero e di colza (ricchi di acidi grassi essenziali) che rafforzano la funzione protettiva della barriera cutanea e migliorano  l’idratazione della pelle rendendola più elastica;
  • rallenta e combatte l’invecchiamento cutaneo o foto-indotto e la formazione di rughe,
    grazie agli antiossidanti (vitamina E, zinco/B6, carotenoidi, licopene, selenio e polifenoli del tè verde) che esercitano un’azione antiradicalica (soprattutto in caso di esposizione solare) e contribuiscono a mantenere l’integrità cellulare della pelle stimolandone i meccanismi di riparazione e cicatrizzazione.
Dermovitol Anti-Age
ACQUISTA ADESSO

Rallenta l’invecchiamento della pelle a partire dai 30 anni (uomo e donna)

Apporta notevoli miglioramenti in caso di pelle secca, opaca, stanca e / o sensibile

Aiuta la cicatrizzazione (anche in caso di interventi chirurgici)

Aiuta a riequilibrare l’aspetto della pelle in caso di processi infiammatori come l’acne o l’eczema

Correggere e prevenire le alterazioni cutanee legate all’età è oggi una preoccupazioni sia femminile che maschile

L’analisi dei meccanismi fisiopatologici dell’invecchiamento cutaneo e delle sue principali cause consente di intervenire con un’adeguata azione preventiva anti-age.

Schematicamente, a tale proposito distinguiamo:

  • l’invecchiamento cutaneo fisiologico, processo intrisero complesso;
  • l’invecchiamento cutaneo estrinseco, legato a fattori ambientai quali l’esposizione ai raggi UV, le diete, l’inquinamento, il tabacco etc.

Le modificazioni fisiologiche osservate nell’analisi dei meccanismi fisiopatologici sono predominanti a livello del derma, e si caratterizzano per tre principali aspetti:

  1. alterazione delle macromolecole del derma (collagene, elastica, proteoglicani e glicoproteine);
  2. impoverimento della micro circolazione
  3. appiattimento della giunzione dermo-epidermica

Nell’invecchiamento cutaneo fisiologico si constata una diminuzione della sintesi proteica e della sintesi degli enzimi antiossidanti che comporta un conseguente aumento dei radicali liberi. La pelle senescente delle zone non esposte diviene più sottile e la sua elasticità diminuisce, così come la rapidità di cicatrizzazione e la resistenza meccanica ai traumi. La pelle diviene più secca.

Nell’invecchiamente cutaneo foto-indotto le modificazioni sono dovute alle azioni dei raggi UVB e UVA, in particolare degli UVA corti. I raggi UVA sono particolarmente tossici perché capaci di provocare, da soli, importanti trasformazioni del tessuto elastico, apparizione di infiltrati infiammatori e un’intensa depressione immunitaria. I raggi UVA sono dei potentissimi induttori che favoriscono l’apparizione di radicali liberi particolarmente instabili e tossici. Con il passare del tempo la pelle si ispessisce a causa dell’elastosi predominante, il numero di rughe aumenta e compaiono disturbi di pigmentazione.

Nessun mezzo terapeutico ad oggi ci consente di ringiovanire, ma disponiamo di strumenti correttivi e di prevenzione (anti-age) medicamentosi, cosmetologici e chirurgici.

Il profilo degli acidi grassi della pelle: miglioriamolo a nostro beneficio

Anti-age: gli acidi grassi della pelle

Carenza in EFA = pelle secca, squamosa con perdita della funzione di barriera protettrice[Montpoint A, Guillot B, Truchetet F, Grosshans E, Guilhou JJ. Acides gras essentiels en dermatologie. Ann Dermatol Venereol. 1992;119:233-9]

Dermovitol contiene 500 mg di EFA in 2 capsule, di cui 63 mg GLA
Rapporto omega-3 / omega-6 = 7,5

Durante il suo naturale processo di invecchiamento la pelle subisce molte aggressioni: climatiche, da UV, dermatosi, tabagismo, trattamenti poco appropriati etc.

E’ di capitale importanza mantenere il buon equilibrio del sistema metabolico degli acidi grassi perché questi consentono alla pelle di garantire un’efficace funzione protettiva.

Lavori portati avanti in diversi studi negli ultimi decenni anche in ambito anti-age evidenziano  l’importanza degli acidi grassi essenziali (EFA) nel mantenimento dell’integrità dell’epidermide, ma anche nel determinismo e nell’evoluzione di alcune dermatosi estremamente comuni e fastidiose come l’acne, la psoriasi e la dermatite atopica.1
La corretta permeabilità e flessibilità della membrana cellulare è infatti garantita dalla presenza degli EFA,costituenti dei fosfolipidi, grazie alla curvatura delle loro molecole.

A livello epidermico la carenza in acidi grassi essenziali provoca ispessimento della pelle per proliferazione cellulare, accompagnato da un aumento di perdita d’acqua transepidermica.

L’acido alfa-linoleico (ALA) apportato dall’associazione dell’olio di colza con l’olio di semi di ribes nero, esercita un ruolo strutturale nei fosfolipidi della membrana cellulare e si oppone ai leucotrieni coinvolti nei processi infiammatori.
L’acido linoleico ha un ruolo determinante nel mantenimento dell’integrità della barriera epidermica e nella prevenzione della dispersione idrica.2

Gli olii di onagra e di semi di ribes nero sono spesso citati per le loro proprietà migliorative delle condizioni della pelle:  grazie alla loro ricchezza in AGE linoleico e gamma linoleico contribuiscono efficacemente all’idratazione e alla protezione cutanee.3

Efficacia dimostrata: dopo 15 giorni di trattamento con Dermovitol
la pelle è più elastica e luminosa.

Anti-age: prevenire e correggere le alterazioni cutanee conseguenti al passare del tempo

Anti-age: prevenire e correggere le alterazioni cutanee

Conosciamo il ruolo che riveste lo stress ossidativi relativamente al fenomeno dell’invecchiamento.4
Sappiamo anche che i raggi solari sono la prima causa della produzione di radicali liberi, sia a livello dell’epidermide che degli strati più profondi della pelle.5
Ecco perché è vitale apportare all’organismo un aiuto esterno sotto forma di antiossidanti (vitamina E, zinco/B6, carotenoidi, licopene, selenio, polifenoli del tè verde), molecole le cui funzioni sono di controllare gli effetti tossici dei derivati attivi dell’ossigeno, contribuire al mantenimento dell’integrità cellulare e stimolare i meccanismi di riparazione.6

Alcuni nutrimenti avranno inoltre un ruolo particolare a livello del metabolismo cutaneo: i carotenoidi apporteranno all’organismo vitamina A, indispensabile al mantenimento dell’integrità dei tessuti epiteliali e ai meccanismi della vista7; lo zinco contribuisce alla stabilità della cheratina, aiuta i processi di cicatrizzazione e consente il mantenimento della buona tropicità del derma grazie al suo ruolo nella sintesi del collagene e dell’elastina.8

I polifenoli del tè verde completano a loro volta quest’azione, essendo degli agenti antiossidanti capaci di intrappolare i radicali liberi9 e di avere un impatto a livello del derma, per somministrazione sia orale che cutanea.
Studi su modelli animali hanno dimostrato che i polifenoli del tè verde possono prevenire, in persone dalla pelle chiara, i danni causati dai raggi UVB.10

Conclusioni

Dermovitol anti-age è oggi uno dei rari integratori alimentari ad avere una formulazione così completa. 

Migliorando il profilo in acidi grassi della pelle grazie ai suoi tre olii essenziali (onagra, semi di ribes nero e colza) ricchi in acidi grassi essenziali Dermovitol nutre dall’interno e conferisce un nuovo splendore alla pelle.

Per combattere l’invecchiamento cutaneo è una vero e proprio scudo di antiossidanti naturali (selenio, carotenoidi, licopene, vitamina E, zinco/B6, polifenoli del tè verde) da assumere quotidianamente per proteggersi al meglio.

Dermovitol anti-age è indicato per chi desidera preservare il più a lungo possibile
il proprio capitale giovinezza e la luminosità dell’incarnato.

Può essere utilizzato anche in complemento a terapie  standard per disordini infiammatori cutanei.

Bibliografia

  1. Berbis P., Hesse S., Privat Y. (1990) Acides gras essentiel et peau. Allergie et Immunologie. Vol 22, 6: 225-231
  2. Wertz P.W et al (1987). Essential fatty acids and epidernal integrity. rch. Dermatol. 123:1381a-1384a
  3. Dweck P.W et al (1987). The role of natural ingredients in anti-ageing of skin. Australian Society of Cosmetic Chemists Annual Congress, Hamilton Island
  4. Hasnis E, Reznick AZ (2003) Antioxydants and healty aging, Isr Med Accoc J 5 (5): 368:70
  5. Packer L, (1992) Irradiation par les ultras violets, radicaux libres et vieillissement cutané. Skin Care Forum 3:3-6
  6. Roberfroid M. (2002) Aliments fonctionnels, Ed Tec&Doc p282-3
  7. Bermond P., (1986) Les caroténoides en nutrition et médecine. Encycl. Med. Chir. Nutrition. 10541B05:2
  8. Amblard P., Reymond J.L., Coignet M. (1987) Le zinc en dermatologie. In: Favier A, Arnaud J., Faure H. (ed), Le zinc en médecine et biologie, 227-231, Médicales Internationales, Paris
  9. Nijveldt RJ, Nood EV, Van Hoorn DEC, et al (2001) Flavonoides: a review of probable mechanisms of action and potential applications. Am J Nutr 74(4):418-25
  10. Katiyat SK, Bergami BM, Vyalil PK, et al. (2001) Gren tea polyphenols: DNA photodamage and photoimmunology. J Photochem Photobiol B 65(2-3): 109-14

 

2017-03-21T22:44:09+00:00

Scrivi un commento

NatureLab9:50